Menu
Cerca

Sul “piatto” per il Referendum ci finiscono pure le castagne…

Una simpatica boutade che ha visto coinvolti il sindaco, promotore per il Referendum, e il suo principale avversario politico

Sul “piatto” per il Referendum ci finiscono pure le castagne…
Cronaca 16 Ottobre 2017 ore 14:37

A Covo ogni mezzo è buono per convincere l’elettorato a stare dalla parte del “Sì” per il vicinissimo Referendum per l’autonomia lombarda. Infatti, ieri, si è tenuto un banchetto informativo con tanto di… castagne. Un’occasione utile per gustare un cibo tipicamente autunnale e ottenere informazioni per la prossima votazione. E a sorpresa si è presentato anche un esponente del centro sinistra, Alvaro Bellicini.

Tutto merito delle castagne

In realtà Bellicini non si è propriamente esposto per una delle due parti. Certo, la sua presenza al gazebo di ieri non è passata inosservata.. “Sono andato principalmente per gustarmi le castagne”, ha, però, precisato. Bisogna, tuttavia, riconoscere al sindèch Andrea Capelletti di esser riuscito a trovare un convinte mezzo per conquistare i suoi avversari politici: la gola.

In merito al referendum

Al di là della simpatica boutade, Bellicini ha voluto chiarire la sua posizione. “Non so ancora se domenica 22 ottobre – ha detto – andrò a votare. Ma se dovessi farlo penso che voterei per il sì”. Obiettivo centrato dunque per Capelletti che da tempo è in prima linea per promuovere la votazione, che si terrà a breve.