Menu
Cerca

Street art a Zingonia: 70 giovani contro il degrado

La creatività come antidoto alle cattive frequentazioni dei ragazzi

Street art a  Zingonia: 70 giovani contro il degrado
Cronaca 01 Agosto 2017 ore 17:38

E’ stato un finesettimana all’insegna della street art a Verdellino e Zingonia grazie al progetto dedicato agli adolescenti organizzato dall’Amministrazione e dalla cooperativa Pugno Aperto in collaborazione con la fondazione Chicco di Riso.

Si p…arte! La street art colora Zingonia

Si sono ritrovati sabato e domenica per dare colore a due punti precisi della città: il centro sociale di Via Oleandri e il centro sportivo. Sono stati tantissimi infatti i giovani che hanno partecipato all’iniziativa organizzata dalla cooperativa “Il Pugno Aperto” in collaborazione con l’Amministrazione comunale. Dalle 9 del mattino alle 9 di sera, con una piccola pausa nelle ore più calde della giornata i ragazzi hanno lavorato instancabilmente. Alla fine domenica sera sui muri di Verdellino e Zingonia non c’era più nemmeno un pezzettino grigio.

La collaborazione con le associazioni

Per la realizzazione dei murales i ragazzi hanno per prima cosa incontrato gli esponenti di 4 tra le più importanti associazioni del paese. Per ognuna di queste gli aspiranti artisti hanno quindi realizzato alcuni bozzetti, tra cui poi i rappresentanti delle onlus hanno scelto quello che preferivano. Aiutati da due writers professionisti i giovani hanno infine dipinto 4 murales rappresentativi di Bersaglieri, Centro Diurno, Comitato Genitori e Sporting Oratorio.

Un antidoto contro le attività illecite

Sono diversi anni che la cooperativa Il Pugno Aperto collabora con l’Amministrazione di Zingonia per la realizzazione di progetti dedicati alle nuove generazioni. ” Sappiamo bene che i giovani dediti all’ozio sono troppo spesso facile preda di attività diseducative e spesso anche illecite, magari attratti dalla prospettiva di facili guadagni. – ha spiegato la referente dei progetti Milena Mantegazza – Per questo abbiamo pensato di coinvolgerli,  gratuitamente, in progetti creativi che potessero essere interessanti e mettere i ragazzi in relazione con figure adulte di riferimento in senso positivo”

Non solo arte

I progetti dedicati ai giovani avviati quest’anno sono stati quattro. E’ stata fondata Radio Free Souls e i ragazzi sono andati in onda su Radio Pianeta. Alcuni invece si sono dedicati alla realizzazione di  video in stop motion. Altri ancora hanno partecipato al laboratorio di computer music. I ragazzi coinvolti sono stati circa 70.  Ma i progetti non si fermano qui: “E’ importante ricordare – ha concluso Mantegazza – che la fondazione Chicco di Riso continuerà a supportarci ancora per due anni. Avremo così l’opportunità di sviluppare un piano triennale delle iniziative, che non verranno lasciate cadere nel vuoto”.

9 foto Sfoglia la gallery

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli