Menu
Cerca

Spino incontra Acquasanta Terme per contribuire a ricostruire il teatro “terremotato”

Ieri, sabato, hanno partecipato tantissime persone per aiutare e essere solidali con il Comune marchigiano colpito dal sisma

Spino incontra Acquasanta Terme per contribuire a ricostruire il teatro “terremotato”
Cronaca 16 Luglio 2017 ore 16:53

Spino incontra Acquasanta Terme: un contributo per ricostruire il teatro “Casa dei Combattenti”, distrutto dal sisma dello scorso anno.

Il teatro dei Combattenti di Acquasanta tornerà a vivere grazie alla solidarietà degli spinesi

Il teatro Casa dei Combattenti di Acquasanta Terme nelle Marche tornerà a vivere grazie alla solidarietà dei cittadini spinesi. Ieri sera, in cascina Carlotta, sono iniziati i due giorni di festa per la raccolta di fondi a favore del progetto di aiuto, ma è solo una delle tante iniziative promosse dal Comitato Permanente che raggruppa sotto la regia comunale il volontariato locale, tutte indirizzate a contribuire in modo sostanzioso alla ricostruzione dopo lo sciame sismico che ha distrutto o reso inagibili tante strutture pubbliche e private del comune marchigiano.

Ospite d’onore l’assessore al Turismo di Acquasanta

Ospite d’onore Elisa Ionni, assessore di Acquasanta Terme al Turismo, alla Cultura e ai Servizi Scolastici. “Gesti come quelli di Spino d’Adda ci fanno sentire meno soli”, ha commentato l’assessore in visita. Molti edifici di Acquasanta sono inutilizzabili e, in particolare, il teatro è sempre stato un punto d’incontro, unico nel Comune, è inagibile. “Il 31 luglio valuteremo i progetti per la sistemazione di edifici colpiti da inagibilità lieve, il 30 dicembre quelli per inagibilità più importanti – ha spiegato la Ionni – Tra questi c’è anche il teatro comunale, che oggi è chiuso, inaccessibile”.

In cucina e ai tavoli oltre 70 volontari

La cifra dipenderà dalla due giorni di festa, che ha impegnato settanta volontari tra cucina e tavoli, ma anche tante proposta collaterali (come la posa della damigiana della solidarietà in Municipio). “Non sappiamo ancora di quale entità – specifica il primo cittadino spinese – ma con certezza possiamo dire che ci siamo impegnati per renderci partecipi, coinvolgendo la nostra comunità. Abbiamo agito con pazienza e coerenza, secondo le indicazioni che ci erano state date della prefettura, che ha ribadito a più riprese l’importanza di agire non nel primo momento di emergenza ma nelle fasi successive. Abbiamo la certezza di aver lavorato nel modo migliore”.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli