Menu
Cerca

Spesa online ora si fa anche in treno

Acquistare i prodotti nel tuo market di fiducia sarà semplice e veloce grazie alla partnership tra Trenord e Supermercato24 che conta già oltre 80mila clienti.

Spesa online ora si fa anche in treno
Cronaca 16 Novembre 2017 ore 15:24

Spesa online ora si fa anche in treno. E’ la novità introdotta dalla start up Supermercato24, primo player per la spesa online ora in partnership con Trenord.

Spesa online ora si fa anche in treno

La spesa? La ordino in treno e la trovo direttamente a casa o in ufficio. L’innovativo servizio per i clienti che ogni giorno si muovono sui treni lombardi è possibile da oggi grazie alla partnership con Supermercato24, il primo player italiano della spesa online. Età media 36 anni, diplomato (55%) o laureato (30%), il cliente Trenord è sempre più connesso e digitale: oltre il 70% dei passeggeri lombardi dichiara di viaggiare sempre connesso durante il viaggio. Le App preferite sono WhatsApp (42%), Facebook (28%) e Instagram (13%); oltre il 23% di chi viaggia in treno si dedica alla lettura utilizzando sistemi elettronici quali e-book, tablet e cellulare e quasi il 10% dei clienti svolgono operazioni bancarie o utilizzano App durante il viaggio.

Anche il carrello diventa digitale

Per questi clienti, sempre più connessi ed evoluti, da oggi anche il carrello diventa digitale, grazie alla partnership presentata oggi dall’amministratore delegato di Trenord, Cinzia Farisè, e dall’amministratore delegato di Supermercato24 Federico Sargenti. Supermercato24 è una start up che in Lombardia è già attiva nelle province di Bergamo, Brescia, Milano, Monza, Mantova e Varese. Grazie a questo accordo, i clienti Trenord residenti in queste province che utilizzeranno la piattaforma Supermercato24 per ordinare la spesa online usufruiranno di speciali agevolazioni.

Spesa online

Per i pendolari uno sconto del 5%

Ai possessori di abbonamento Trenord in corso di validità sarà riconosciuto uno sconto fisso, valido per tutti gli ordini effettuati sulla piattaforma pari al 5% sul valore della spesa. Chi invece acquisterà un biglietto di corsa semplice dall’App o dall’e-store Trenord, troverà direttamente sul suo documento di viaggio un codice promozionale equivalente alla consegna gratuita della prima spesa ordinata.

Ordini al tuo supermercato di fiducia

A differenza delle altre piattaforme, Supermercato24 è l’unica che consente di scegliere il proprio supermercato di fiducia, dove un personal shopper si recherà e farà la spesa, consegnandola poi a casa o all’indirizzo desiderato all’orario concordato, anche entro un’ora dall’ordine. Sarà cura dello stesso personal shopper contattare telefonicamente il cliente per ogni necessità. Il costo di consegna della spesa è di soli 4,90 euro, indipendentemente dall’importo speso e i clienti potranno poi pagare con carta di credito, con Apple Pay, Paypal o in contanti alla consegna.

Una nuova opportunità per tutti

«In Supermercato24 abbiamo trovato un partner di qualità che aggiunge nuove opportunità a quell’ecosistema dei servizi che sempre più devono affiancare l’esperienza quotidiana di viaggio, dando valore al tempo dei nostri clienti che si muovono – ha commentato Cinzia Farisé  – Nostro obiettivo è coniugare il servizio quotidiano con le esigenze di innovazione dei viaggiatori lombardi sempre più digitali ed esigenti».

Ognuno avrà un personal shopper

«Grazie alla nostra piattaforma, infatti, i passeggeri possono fare la spesa in pochi minuti mentre sono in treno, senza rinunciare alle loro abitudini potendo scegliere il proprio supermercato di fiducia che sono soliti frequentare e che conoscono bene – ha aggiunto Sargenti – Con la consegna anche entro un’ora, inoltre, al loro arrivo a casa o in ufficio troveranno il personal shopper che li attende con la spesa».

Già oltre 80mila clienti

Sono già 81.124 i clienti attivi in oltre 160 comuni lombardi. I clienti che utilizzano di più il servizio sono donne per il 66% e uomini per il 34%. Le fasce di età che utilizzano prevalentemente Supermercato24 sono 25-39enni per il 45,9% e 40-54enni per il 27%, mentre gli under 25 si attestano al 15,1%, dato curioso è l’utilizzo che da parte dei giovani milanesi che si attestano al 18% contro il 6/7% dei coetanei nelle altre province.