Cronaca
Costa di Mezzate

Scontro tra due auto e un furgone: 21enne in gravi condizioni

Il giovane ha riportato diversi traumi e ferite ed è stato trasportato in codice rosso al Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Scontro tra due auto e un furgone: 21enne in gravi condizioni
Cronaca Bergamo e hinterland, 02 Novembre 2021 ore 15:23

Tremendo incidente, questa mattina, martedì 2 novembre, a Costa di Mezzate: tre mezzi e quattro persone coinvolte, un 21enne è in gravi condizioni.

Schianto a Costa di Mezzate

Lo schianto è avvenuto questa mattina poco dopo le 7 all’altezza di una rotatoria lungo la strada provinciale 82, nelle vicinanze della zona industriale del paese. Coinvolte due auto e un furgone: secondo una prima ricostruzione a scontrarsi frontalmente sarebbero stati il furgone e un'Alfa Mito, mentre il terzo veicolo, che viaggiava dietro il furgoncino, è andato a sbattere contro il mezzo pesante dopo il primo urto.

Grave un 21enne

Sul posto un'automedica e due ambulanze da Bergamo e Seriate in codice rosso. Quattro le persone coinvolte: si tratta di tre uomini di 21, 45 e 46 anni e una donna di 49. Gravi le condizioni del 21enne, che si trovava alla guida dell'Alfa Mito. Per lui trauma cranico e ferite alla testa, oltre a lesioni in altre parti del corpo tra cui bacino e gambe. Le sue condizioni hanno richiesto il trasferimento in ambulanza in codice rosso al Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

3 foto Sfoglia la gallery

All’ospedale di Seriate, invece, in codice verde, sono stati trasferiti sia il conducente del furgone, un uomo di 45 anni, sia il passeggiero che si trovava sull’Alfa, di 46 anni. Il primo è rimasto ferito al volto, al torace e ha riportato un trauma alla schiena. Il secondo ha riportato un trauma cranico, al torace e lesioni a un braccio e a una gamba.

Non ha avuto bisogno di essere trasferito in ospedale la donna al volante della terza automobile coinvolta nello scontro. A Costa di Mezzate sono intervenute anche la Polizia stradale e i Vigili del fuoco, che hanno messo in sicurezza i mezzi e hanno bonificato l’area compromessa.