Scontro davanti alla Same: è grave il motociclista FOTO

E' ancora ricoverato, ma non in pericolo di vita, il 45enne colpito da un'auto che usciva dal parcheggio dell'azienda

Scontro davanti alla Same: è grave il motociclista FOTO
19 Ottobre 2017 ore 13:08

Una mancata precedenza e l’impatto inevitabile tra un’auto e una moto in via Cassani. E’ ancora ricoverato in gravi condizioni, ma non sarebbe in pericolo di vita, il motociclista 45enne che mercoledì pomeriggio è rimasto coinvolto in un incidente in via Cassani, proprio davanti allo stabilimento della Same.

Mancata precedenza

Lo schianto è avvenuto alle 15 ieri, mercoledì. Dal parcheggio riservato ai dipendenti della Same stava uscendo un’«Opel Corsa» guidata da L.C., albanese di 46 anni, residente a Mozzanica, che stava lasciando l’azienda imboccando via Cassani in direzione del centro città.
Proprio in quel momento, però, stava sopraggiungendo una Yamaha MT750 guidata dal 45enne C.R., di Bellinzago, che stava procedendo verso Cassano.

Schianto inevitabile

Il centauro è stato sbalzato dalla sella ed è finito a terra strisciando poi contro la fiancata di un’«Alfa Giulietta» che stava transitando proprio in quel momento. Immediata la chiamata al «112».  Sul posto, poco dopo, sono giunti i vigili del fuoco di Treviglio insieme con gli agenti della Polizia locale di Treviglio e un’ambulanza in codice rosso.
Il 45enne, salvato dal casco che ha attutito il trauma alla testa, è stato subito soccorso e vista la gravità delle sue condizioni è stato trasportato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove si trova tutt’ora ricoverato. Le sue condizioni sono ancora gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Strada bloccata per più di un’ora

Disagi anche per la circolazione che è rimasta bloccata per circa un’ora e venti per permettere lo sgombero della carreggiata dai mezzi coinvolti e la pulizia dell’asfalto dai liquidi persi a causa dell’incidente.

4 foto Sfoglia la gallery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia