Rsa a Casirate, il Comune cerca operatori interessati

Il Consiglio ha approvato l'alienazione di 7mila metri quadrati di terreno del lascito Paladini sui quali l'operatore dovrà realizzare una casa di riposo.

Rsa a Casirate, il Comune cerca operatori interessati
Treviglio città, 29 Luglio 2018 ore 10:34

Realizzare una Rsa a Casirate, una casa di riposo che metta a disposizione 100/120 posti letto. Il Comune ci crede e mette in vendita 7mila metri quadrati di terreno del lascito Paladini e cerca un operatore interessato.

Rsa a Casirate, i tempi sono maturi

I tempi sono maturi, secondo l’Amministrazione di Casirate d’Adda affinché venga realizzata una Residenza sanitaria assistita per sul territorio comunale. Una struttura che metta a disposizione posti letto per gli anziani del paese e dei Comuni limitrifi. Ieri sera, sabato, in Consiglio comunale è stata votata a maggioranza l’alienazione di un terreno – 7mila metri quadrati dei circa 30mila, lascito della famiglia Paladini al Comune – con lo scopo di trovare un operatore interessato a realizzare la struttura.

Un sogno che parte dai primi anni 2000

Il lascito Paladini, infatti, è vincolato a realizzare una struttura socio-sanitaria sul territorio comunale per le persone anziane. “E’ un’idea che parte dai primi anni 2000 – ha detto il sindaco Mauro Faccà – che non si è mai concretizzata per la crisi economica e per la mancanza di volontà delle precedenti Amministrazioni. Noi crediamo che ora i tempi siano maturi e con questa alienazione intendiamo trovare un operatore privato interessato al progetto”. L’età media della popolazione, infatti, continua ad alzarsi. A Casirate – questo l’ultimo dato riportato nel Dup (Documento unico di programmazione) – i residenti sopra i 65 anni sono il 20% della popolazione. Con l’arrivo delle infrastrutture, autostrada Brebemi e Variante alla “Bergamina”, poi, il territorio di Casirate è diventato appetibile anche per un investimento di questo tipo.

La vendita e il progetto

Il primo step per l’Amministrazione comunale sarà trovare, con il bando per l’alienazione dei 7mila metri quadrati, di un operatore interessato a realizzare la Rsa. “Una struttura che potrà svilupparsi, in base agli indici edificatori del Piano di governo del territorio, per 4.500 metri cubi di volumetria – ha spiegato il vicesindaco Manuel Calvi -. Una cubatura simile a progetti che abbiamo visto in altri Comuni, per ospitare dai 100 ai 120 posti letto. Noi confidiamo, vista la richiesta di posti letto che c’è sul territorio, di trovare un privato interessato all’acquisto dell’area e al progetto che sarà oggetto di convenzione con il Comune”.

La minoranza chiede garanzie per i casiratesi

La Rsa, una volta realizzata, preveda garanzie per l’accesso ai posti letto degli anziani casiratesi. L’ha chiesto il gruppo di minoranza “Il Grande Albero” durante la discussione dell’alienazione del terreno per il progetto della casa di riposo. “Abbiamo visto anche in Convenzioni fatte da Comuni del milanese, ad esempio – ha spiegato l’assessore al Bilancio Silvia Leoni – che le stesse prevedono una quota di posti a tariffa agevolata per i residenti. Il Comune ha la possibilità di prevedere questo in fase di sottoscrizione, appunto, della Convenzione con il privato attuatore. Privato che, avendo l’area di sua proprietà e non in concessione dal Comune, ha una maggiore possibilità di accesso al credito bancario per realizzare l’opera”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia