Romano

Rotary Romano a fianco di Caritas per un “Inverno meno freddo”

Fare comunità e aiutare: è questo il senso dell’attività del Rotary di Romano e della Caritas.

Rotary Romano a fianco di Caritas per un “Inverno meno freddo”
Cronaca Romanese, 31 Dicembre 2020 ore 10:28

Fare comunità e aiutare: è questo il senso dell’attività del Rotary di Romano e della Caritas.

Inverno meno freddo

Uno spirito ancora più forte ora che le due associazioni si sono unite alle porte del Natale, al termine di questo lungo anno reso ancor più rigido dalle difficoltà imposte dal CoVid 19. Questo sarà però un “Inverno meno freddo” per molte famiglie grazie al progetto di Caritas Romano di Lombardia sostenuto dal Rotary di Romano guidato dalla presidente Iva Conti Schivardi. Il Rotary è sceso dunque in campo a fianco di un’iniziativa attiva da più di 10 anni, individuando e sostenendo una delle eccellenze sul territorio.

Un anno in emergenza

Nel 2020 entrambe le realtà associative sono state chiamate a rispondere alle emergenze, direttamente o indirettamente, legate alla pandemia che ha creato una serie di nuovi bisogni.Il progetto, dedicato a Carlo Cortesi (che ne fu promotore, anche se si spense prima ancora di vederlo realizzato) desidera colmare il bisogno impellente, delle sempre più numerose famiglie bisognose, di pagare bollette, affitti, utenze. Un servizio che oggi riesce a raggiungere sino a 40 famiglie in tutto il territorio e che vede coinvolte molte Associazioni che Caritas riesce ad intercettare, grazie alla sua opera di sensibilizzazione. «Nonostante il periodo difficile, non ci è mai mancato l’appoggio della nostra generosa Comunità» dice Chiara Longhi, coordinatrice della Caritas di Romano.

Nuova flessibilità a favore del territorio

Nell’anno stravolto dal CoVid 19 il Rotary Romano ha saputo cambiare i suoi piani e, così come impone la mission del Club, attento al territorio ne ha ascoltato i bisogni cercando soluzioni concrete.Il Rotary ha tra le sue missioni, sostenere l’istruzione, combattere le malattie e sviluppare le economie locali. I piani d'azione di ogni club vengono decisi a giugno (mese che coincide con l'inizio dell'anno rotariano) e portati avanti per tutto il periodo necessario al loro svolgimento.  «Dall'avvento del CoVid – spiega Mirko Rossi responsabile della Comunicazione del Rotary di Romano e past president - tutti i piani del nostro Club sono stati completamente rivisti: ciò che era in itinere è stato portato a termine, al contempo il Club ha attuato un piano di gestione delle emergenze, istituendo un apposito fondo».

Sostegno alla scuola

Bisogni generati da situazioni drammatiche legate non solo alla situazione sanitaria ma anche - per esempio - al mondo della scuola e purtroppo anche al mondo delle persone in difficoltà economiche. Sono proprio questi i due settori nei quali il nostro Club ha deciso di impiegare le proprie risorse sostenendo, oltre alla Caritas romanese, anche il progetto “la Scuola a casa” della Scuola d’Arte Fantoni di Bergamo. All’interno di questa iniziativa è stato pensato anche il restyling del gagliardetto associativo e la proposta vincente è stata quella di Drissi Rayen del secondo anno del CFP indirizzo Operatore Grafico. Guidato dalla professoressa Giovanna Sala, il lavoro è stato realizzato interamente in didattica digitale, grazie anche all’implementazione del progetto “La Scuola a casa”.

TORNA ALLA HOME