Redditi, ecco le dichiarazioni dei consiglieri comunali

Stefano Sonzogni (Pd) è il paperone in Aula, Ronchi la più povera. Tracolli per Pignatelli e l'ex sindaco Pezzoni.

Redditi, ecco le dichiarazioni dei consiglieri comunali
Treviglio città, 16 Marzo 2018 ore 11:56

Redditi del 2016, sul sito Internet del Comune sono state pubblicate le dichiarazioni patrimoniali dei consiglieri comunali e dei membri della Giunta. Stefano Sonzogni scalza la collega di partito Laura Rossoni dal primo posto e diventa il "Paperone" del Consiglio comunale.

Redditi

Con un imponibile di 69.284 euro, quest’anno il più ricco in Aula è Sonzogni (Pd), che svolge la professione di avvocato. E pensare che, rispetto all’anno prima, il consigliere di opposizione ha addirittura perso oltre 6 mila euro di reddito. Molto meno però della sua capogruppo Rossoni, anche lei avvocato, che è passata da 86.688 a 65.547 euro, perdendo il primato, ma soprattutto 21 mila euro. Una curiosità: nella dichiarazione patrimoniale di Sonzogni compaiono anche 10 azioni della «Walt Disney», la nota multinazionale americana che ha inventato il personaggio di Paperon de Paperoni.

Nisoli supera Vailati

Avvicendamento anche per quanto riguarda la terza e la quarta posizione: per poco più di 100 euro (60.973 contro 60.840), l’assessore Alessandro Nisoli ha superato la collega di Giunta Sabrina Vailati, che lo scorso anno era avanti di oltre 13 mila euro. Invertite anche la quinta e la sesta posizione, con il capogruppo di "Io Treviglio", Giancarlo Fumagalli (52.302 euro), che è stato superato dal collega di lista e presidente del Consiglio Andrea Cologno (58.006 euro).

Posizioni invariate

Scorrendo la classifica, il capogruppo della Lega Franco Giussani si conferma settimo con 47.450 euro, seguito sempre dall’assessore Basilio Mangano con 40.514 euro. Ci sono poi il lumbard Alessandro Ciocca (37.585 euro), il consigliere di "Io Treviglio", Marco Ghiggini (33.851 euro), la leghista Monica Premoli (31.331 euro), il sindaco Juri Imeri (30.804 euro), il capogruppo della lista di maggioranza "Con Mangano per Treviglio", Lorena Frigerio (28.169 euro) e il consigliere del Pd Erik Molteni (23.165 euro), che ha dichiarato quasi 12 mila euro in meno del 2015.

Il tracollo di Pignatelli e Pezzoni

A seguire ci sono tutti gli altri consiglieri tra cui, in ultima posizione, Cristina Ronchi di "Molteni Sindaco" che non ha percepito redditi. Da segnalare poi i tracolli di Gianluca Pignatelli (Forza Italia), che ha praticamente dimezzato il suo imponibile, passando dai 45.458 euro del 2015 (quando percepiva però anche l’indennità di presidente del Consiglio comunale) ai 22.658 del 2016, e quello dell'ex sindaco Beppe Pezzoni, che a causa della perdita del lavoro dopo lo scandalo della falsa laurea è crollato da 46.226 a 9.878 euro.

Maggiori dettagli sul Giornale di Treviglio in edicola