Menu
Cerca
Spino d'Adda

Rave party al fiume, divieto di ritorno in paese per 36 persone

Le indagini dei carabinieri iniziate ad agosto sono giunte alla conclusione.

Rave party al fiume, divieto di ritorno in paese per 36 persone
Cronaca Cremasco, 08 Febbraio 2021 ore 13:03

In 36 non potranno ritornare in paese dopo il rave party scoperto dai carabinieri quest’estate lungo l’Adda. La festa non autorizzata si era tenuta dal 15 al 17 agosto a Cascina Canova a Spino d’Adda.

Rave illegale sul fiume

3 foto Sfoglia la gallery

In quella circostanza, circa 500 persone confluirono in un’ampia conca adiacente l’argine del fiume Adda, accedendo tramite un reticolo di numerose strade secondarie, provenendo per la maggior parte da Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria ed Emilia Romagna, con alcune presenze anche da Francia, Austria, Olanda, Germania e Svizzera, a bordo di autovetture e camper. A seguito delle attività di identificazione dei partecipanti condotte nella circostanza dalle Forze dell’Ordine, anche con l’ausilio della Polizia Scientifica, nei giorni scorsi la Divisione di Polizia Anticrimine della Questura di Cremona ha adottato la misura del divieto di ritorno per 36 persone, residenti in varie Province del nord Italia.
Tra di essi due degli organizzatori dell’evento, G.A.A.P. di 33 anni, nato a Palermo e residente in Provincia di Terni, e D.D. di 28 anni, nato a Vasto (Chieti) e residente a Montenero di Bisaccia (Campobasso).

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli