Menu
Cerca

Qualità dell'aria, assessori regionali a Roma per chiedere fondi

I rappresentanti di Lombardia, Piemonte, Veneto ed Emilia Romagna a colloquio al ministero dell'ambiente.

Qualità dell'aria, assessori regionali a Roma per chiedere fondi
Cassanese, 03 Maggio 2019 ore 08:35

Gli assessori delle Regioni del Bacino Padano (Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte e Veneto) hanno incontrato a Roma il Ministro dell'Ambiente per fare il punto sull'attuazione dell'Accordo sul Bacino Padano per il miglioramento della qualità dell'aria.

Qualità dell'aria, in arrivo 180 milioni di euro

"Un incontro operativo - hanno detto gli assessori regionali - che ci ha permesso di fare il punto del lavoro in corso tra Regioni e Governo secondo l'accordo che è stato sottoscritto nel 2017. Abbiamo avuto rassicurazioni da parte del Governo che presto avremo risorse a disposizione in particolare per il rinnovo dei mezzi del Trasporto pubblico locale".

Durante l'incontro i tecnici del Ministero hanno rassicurato sullo stanziamento di 180 milioni di euro che saranno ripartiti tra le quattro Regioni del Bacino Padano per il rinnovo del parco veicolare del TPL, i sistemi di controllo degli accessi alle città e di ulteriori 250 a disposizione e quindi da suddividere tra tutte le Regioni italiane che saranno dedicati all'implementazione delle colonnine di ricarica elettriche e al sistema di stoccaggio del gas naturale.

Protocolli e convegni

Durante il confronto è emerso anche che "i ministeri stanno lavorando alla messa a punto di un Protocollo che sarà
sottoscritto anche dalla Conferenza delle Regioni con l'obiettivo di rendere concrete le richieste che le Regioni
hanno fatto da tempo". Il prossimo 4 e 5 giugno le Regioni saranno chiamate a partecipare a Torino alla presenza della Commissione europea al Clean Air Dialogue, al confronto sulle politiche europee sulla qualità dell'aria.

Da ultimo è emerso il sostegno da parte del governo alla candidatura italiana alla 'COP26', la Conferenza Onu sul clima
del dicembre 2020: "sono in corso i negoziati con i Paesi che dovranno decidere in merito alla candidatura, ma il Ministro ci ha rassicurato rispetto alla proposta di Milano come sede di questo grande evento sul clima e sulla sostenibilità".

TORNA ALLA HOME