Quando lo sport fa rima con inclusione, festa al Palafacchetti

Anche l'Amministrazione è scesa in campo.

Quando lo sport fa rima con inclusione, festa al Palafacchetti
Treviglio città, 16 Giugno 2018 ore 11:01

Treviglio non si ferma davanti alla diversità: lo sport diventa un’occasione per favorire l’inclusione.

Quando lo sport fa rima con inclusione, grande festa

Domenica scorsa, al PalaFacchetti, si è tenuta una manifestazione interamente dedicata alla sport, che ha visto partecipi non solo i ragazzi e i volontari del progetto «All Inclusive Sport», ma anche l’Amministrazione comunale, che si è (letteralmente) messa in campo.

In campo le squadre di baskin

A inaugurare il pomeriggio fitto di appuntamenti, sono state le squadre di bask-in  di tre diverse associazioni facenti parte del percorso progettuale, che si sono affrontate in una dibattuta triangolare. Alla fine, i vincitori sono stati i ragazzi della squadra  «Il Dosso Angels» di Castelleone (Cr), seguiti al secondo posto da «Gli Insuperabili» di Rivolta d’Adda. Si sono piazzati terzi, infine, i giovani della trevigliese «All Stars».

Scherma a tre gambe e al buio

Dopo una dimostrazione di scherma e una corsa a tre gambe e al buio, la giornata è proseguita con una partita di calcetto di solidarietà, che ha visto coinvolti i volontari del progetto e i membri dell’Amministrazione comunale: il sindaco, Juri Imeri, il comandante della Polizia locale, Antonio NoceraJacopo RigantiMatteo Perletti ed Eugenio Cherunbini. Sono stati questi ultimi ad aggiudicarsi la vittoria, battendo gli avversari 6 a 4.

Conclusione a suon di musica

Infine, l’evento si è concluso con una dimostrazione di Drum Circle, un’attività che ha coinvolto i presenti per mezzo del suono casuale di diversi strumenti a percussione: bonghi, maracas e tamburelli.

TORNA ALLA HOME