Progetto "Trappers" mai partito, emergenza nutrie e volpi sull'Oglio

Le zone più colpite sono quelle bergamasche a nord verso Calcio

Progetto "Trappers" mai partito, emergenza nutrie e volpi sull'Oglio
Oglio, 19 Gennaio 2020 ore 14:59

Emergenza volpi e nutrie vicino all’Oglio. Mai partito il progetto regionale "trappers" che prevedeva l’utilizzo di professionisti italiani e trappole per catturare i "castorini".

L'appello della Regione

L’appello di Regione Lombardia: "Il governo ci aiuti stanziando più fondi".  Mentre le volpi sono una minaccia per i pollai e i piccoli animali domestici, sponde di navigli e fossi sono rovinati dal moltiplicarsi delle nutrie che si accoppiano almeno due volte l’anno, partorendo in media cinque e fino a un massimo di 13 cuccioli per volta. A differenza del periodo estivo in cui questi roditori vegetariani trovano facilmente il cibo nei campi di mais, ora si stanno diffondendo a macchia d’olio, scavando tane sottoterra ed erodendo gli argini attigui alle strade per avvicinarsi alle cascine e case periferiche.

Leggi di più su Romanoweek in edicola

TORNA ALLA HOME