Menu
Cerca

Profughi: a Romanengo raccolte 400 firme contro la decisione del prefetto

Il comitato spontaneo dice no all'accoglienza dei 12 profughi e la presidente Fernanda Pasquali precisa: "Non siamo razzisti, siamo contrari alle speculazioni sulla pelle degli stranieri"

Profughi: a Romanengo raccolte 400 firme contro la decisione del prefetto
Cronaca 13 Agosto 2017 ore 20:51

Un comitato spontaneo di cittadini per opporsi alla decisione del prefetto di accogliere dodici profughi a Romanengo.

Il comitato

E’ stato costituito sabato il “Comitato no ai richiedenti asilo a Romanengo” e ha già raccolto ben 400 firme. Dopo l’incontro con il viceprefetto Roberta Verrusio, l’Amministrazione sta proseguendo nella necessità di controllare tutte le certificazioni richieste dalla legge per l’idoneità dell’edificio designato per l’accoglienza di 12 profughi dal prefetto, ovvero il Consorzio agrario dismesso e situato in via 25 aprile. Il comitato nasce proprio dalla volontà di opporsi alla decisione presa dal prefetto.

Le motivazioni del no

“Questo presidio è formato da quattro persone: Camillo Urgesi, Fernanda Pasquali, Giuseppe Vecchi e Giovanna Capra – ha spiegato l’assessore all’Istruzione Federico Oneta – Le mamme mi chiamano e mi scrivono messaggi perché sono molto preoccupate per le figlie adolescenti. Altre non vogliono più mandare i loro bambini all’asilo confinante in quanto hanno paura di violenze, furti e malattie. Si tratta di uscire dalla logica dei talk show in cui fanno colpo le notizie tragiche e di capire cosa stia realmente accadendo qui – ha proseguito Oneta – I cittadini vogliono sapere quanti profughi arriveranno, per quanto rimarranno e da dove giungeranno”.

“Non siamo razzisti”

A ribadire la visione dell’assessore Oneta è stata la presidente del comitato Fernanda Pasquali, che ha dichiarato: “Il Consorzio agrario non è a norma, in quanto piove dal tetto e i bagni non sono agibili. Non siamo razzisti, a noi danno fastidio le speculazioni sulla pelle di questi poveri stranieri – ha proseguito la Pasquali – Non vogliamo che certa gente guadagni sull’ospitalità degli extracomunitari”.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli