Primo blitz di Romano per il 2018: si tratta di un furto di energia elettrica

Anno nuovo e nuovo blitz in via Fabio Filzi al civico 26, come ormai da... "tradizione"

Primo blitz di Romano per il 2018: si tratta di un furto di energia elettrica
Romanese, 28 Gennaio 2018 ore 10:26

Anno nuovo e nuovo blitz in via Fabio Filzi al civico 26. Sembra diventata ormai una tradizione quella di effettuare operazioni di polizia all'interno del caseggiato sito in via Fabio Filzi e di proprietà del commerciante romanese Giovanni Finazzi.

La dinamica

Questa volta è stato il turno di due famiglie rumene. Gli appartamenti all'interno degli edifici non risultavano essere ufficialmente forniti di energia elettrica ma da tempo dalle finestre era visibile la luce accesa all'interno. Insospettiti i vicini residenti hanno segnalato la situazione alla Polizia locale che è così intervenuta. All'interno dell'edificio di tre piani gli agenti hanno trovato due appartamenti occupati e uno vuoto ma riscaldato. I locali infatti oltre ad essere illuminati, venivano riscaldati tramite l'uso di più stufe elettriche. Immediatamente la Polizia locale ha chiesto alla società che fornisce l'energia elettrica di accertare la fornitura e subito è stata rilevata l'illegalità dell'allacciamento. Ma non solo. L'impianto rudimentale , creato per fornire energia illimitata, ha rischiato di provocare un incendio.

Le parole del comandante

«I tecnici hanno rilevato che l'impianto così rudimentale portava sui cavi una tensione talmente alta da alzare in modo pericoloso la temperatura. – ha detto Arcangelo di Nardo, comandante della Polizia locale di Romano – I tecnici hanno altresì rilevato che mancava poco perchè i cavi prendessero fuoco provocando un incendio che viste le tante apparecchiature collegate avrebbe impiegato poco tempo a propagarsi all'interno dei locali».

Scongiurato pericolo incendio

Scongiurato il pericolo d'incendio, i capifamiglia R.G. Di 43 anni, R.F e N.M. Di 34 anni , trovati all'interno degli appartamenti sono stati denunciati per furto aggravato. L'operazione effettuata va ad aggiungersi al lungo elenco d'interventi operati dalle Forze dell'ordine, in particolare dalla Polizia locale all'interno del civico 26 in via Fabio Filzi. Tutto è iniziato nel 2016 con lo sgombero degli appartamenti occupati da prostitute. Poi fu il turno dell'arresto di una banda di ladri ricercata in tutto il Nord Italia, seguito dall'arresto di un latitante ricercato per violenze sessuali. In tutti i casi gli appartamenti sono risultati occupati abusivamente, e il proprietario dell'immobile, Giovanni Finazzi si è sempre dichiarato all'oscuro di tutto.