Calvenzano

Presidio solidale alla Gls, due ore di sciopero per Adil

Gli addetti del magazzino di logistica si sono fermati dalle 8 alle 10 in memoria di Adil Belakhdim, aderendo allo sciopero indetto dal SolCobas in bergamasca.

Presidio solidale alla Gls, due ore di sciopero per Adil
Cronaca Gera d'Adda, 22 Giugno 2021 ore 11:07

Due ore di fermo lavorativo oggi, martedì 22 giugno, ed un presidio solidale per esprimere vicinanza e cordoglio ai familiari di Adil Belakhdim, l'attivista sindacale travolto ed ucciso venerdì da un camion davanti la sede della "Lidl" di Biandrate. E' lo sciopero a cui ha aderito anche il sindacato SolCobas del magazzino "Gls" di Calvenzano. Al presidio hanno partecipato anche gli attivisti di Rifondazione Comunista, Circolo di Treviglio.

Presidio solidale alla Gls di Calvenzano

Hanno aderito allo sciopero di due ore, dalle 8 alle 10 di stamattina, martedì 22 giugno, gli addetti del magazzino di logistica "Gls" di via Milano 35 a Calvenzano. Un presidio solidale voluto per ricordare l’attivista sindacale Adil Belakhdim, travolto ed ucciso venerdì scorso da un camion che ha forzato il picchetto dei manifestanti davanti alla sede della "Lidl" di Biandrate, nel novarese. Lo sciopero è stato indetto dal coordinamento della provincia di Bergamo del Sindacato Operai in Lotta Cobas in tutti i siti produttivi per esprimere vicinanza e cordoglio a familiari, amici e compagni di lavoro e sindacato di Adil. Il presidio, a cui hanno partecipato anche gli attivisti di Rifondazione Comunista del Circolo di Treviglio si è svolto in maniera pacifica. Sul posto gli agenti del Commissariato di Treviglio e i carabinieri del Comando cittadino.

Il delegato sindacale: "Qui si lavora bene, non è così dappertutto"

Gli addetti del magazzino e gli autotrasportatori della "Gls" di Calvenzano hanno voluto ricordare Adil Belakhdim ritardando di due ore l'inizio del lavoro. A parlare è stato il delegato sindacale del SolCobas Simone Perfetti. "Quello che è successo ad Adil è stata una tragedia. Non diamo la colpa all'autotrasportatore, ma sono certe realtà della logistica che hanno portato a questo - ha spiegato - Qui da noi a Calvenzano si lavora bene, la cooperativa è seria e c'è dialogo. Tra magazzinieri e autisti siamo in 55 qui nella Bassa, oltre un centinaio nella sede di Stezzano e anche il nostro lavoro con gli anni è andato migliorando nelle condizioni grazie all'opera svolta dal sindacato. Sappiamo, purtroppo, che non è così dappertutto nel campo della logistica".

Con la pandemia e il lockdown, boom di lavoro

La logistica e il trasporto di merci non si è fermato nemmeno con la pandemia da Covid-19 e il lockdown di tante attività lavorative. "Normalmente in magazzino movimentiamo circa 2mila colli al giorno - ha proseguito il delegato sindacale -. Nel periodo della pandemia abbiamo sempre lavorato e c'è stato un grosso incremento del commercio online e delle spedizioni. In quel periodo si arrivava anche a 3mila colli al giorno". In tema di diritti del lavoro e tutele dei lavoratori, negli anni, la situazione nei magazzini "Gls" è molto migliorata. "I primi tempi un autista movimentava 130 e più colli al giorno - ha concluso Perfetti - con orari di lavoro massacranti. Grazie alla contrattazione siamo arrivati oggi ad un carico medio di 70 colli al giorno, che posso arrivare a 90 e il plus viene riconosciuto con un premio in busta. E' migliorata, in generale, la situazione lavorativa nei nostri magazzini perché l'azienda ascolta le nostre proposte e spesso le accoglie. La logistica, d'altronde, è il futuro... Questo è sotto gli occhi di tutti".