Menu
Cerca
Treviglio

Picchia la compagna e poi aggredisce gli agenti, facendosi scudo col figlio

Sotto l’effetto di droga, un 23enne è stato arrestato questo pomeriggio in via Torta per maltrattamenti in famiglia e violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Picchia la compagna e poi aggredisce gli agenti, facendosi scudo col figlio
Cronaca Treviglio città, 01 Maggio 2020 ore 21:16

Sotto l’effetto di droga, un 23enne è stato arrestato questo pomeriggio in via Torta a Treviglio, per maltrattamenti in famiglia e violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Violenza domestica, braccato si fa scudo col figlio

Tutto è cominciato questo pomeriggio, 1 maggio, dopo l’ennesimo episodio di violenza domestica che l’uomo perpetrava nei confronti della compagna, dopo aver assunto droga. Quando la volante è arrivata sul posto, gli agenti hanno visto il 23enne, R.A, che in evidente stato di agitazione, stava scappando con in braccio il bimbo di 9 mesi. L’uomo ha aggredito gli agenti fin da subito, usando il bambino come scudo. Per fermarlo, è stato necessario inseguirlo per circa trecento metri.

Tenta di strappare la pistola a un agente

Solo con pazienza e cautela gli agenti sono riusciti alla fine a togliere il piccolo dalle sue braccia, riconsegnandolo alla madre, sconvolta. Lui, ancora completamente fuori di sé, ha quindi aggredito un agente, cercando di strappandogli la pistola dalla fondina.

Per placare calci, pugni e morsi è alla fine stato necessario utilizzare lo spray al peperoncino in dotazione alle forze dell’ordine e l’intervento di una gazzella dei carabinieri arrivata in ausilio alla Polizia di Stato. Non solo: l’uomo ha dovuto essere ammanettato e immobilizzato con delle fascette in velcro, fino al trasporto in ospedale dove è stato sedato.

Dopo la denuncia, arrestato

Anche nei giorni scorsi, sotto effetto di sostanze, aveva picchiato la compagna e anche gli agenti intervenuti in diverse altre occasione. Era stato denunciato a piede libero, mentre dopo oggi è stato arrestato e portato in cella di sicurezza in Commissariato. Domattina è atteso il giudizio per Direttissima in videoconferenza da Bergamo.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli