Piazza Garibaldi, una petizione per chiedere la riapertura (e i parcheggi)

Chiusa a fine 2016 dall'Amministrazione di centrodestra è al centro delle richieste dei commercianti.

Piazza Garibaldi, una petizione per chiedere la riapertura (e i parcheggi)
Treviglio città, 26 Febbraio 2018 ore 07:38

Piazza Garibaldi, una petizione per chiedere la riapertura (e i parcheggi).

La petizione

Da una ventina di giorni molti esercizi commerciali di Caravaggio stanno raccogliendo firme per chiedere all'Amministrazione comunale la riapertura di piazza Garibaldi, davanti al Comune, chiusa a fine 2016 dalla precedente Giunta leghista guidata da Giuseppe Prevedini.

Pochi parcheggi

Il problema è conosciuto e particolarmente attuale. La scarsità di parcheggi, infatti, è stata uno dei punti più discussi del Pums (Piano urbano della mobilità sostenibile), presentato la scorsa settimana. Lo studio ha individuato già alcune soluzioni, ma i commercianti sembrano non voler attendere oltre.

Il futuro della sosta in città

Per presentare qualsiasi osservazione in merito questo è il momento giusto. Per i prossimi 30 giorni, infatti, sarà possbile inviare le proprie richieste o segnalare criticità.

"Invito tutti a farlo piuttosto che raccogliere firme che non possono avere valore (per la modalità con cui vengono raccolte, ndr) - ha commentato il sindaco Claudio Bolandrini - Siamo disponibili al confronto, così come abbiamo ascoltato i commercianti quando hanno chiesto di non istituire la ztl (zona a traffico limitato) in  centro. Al momento stiamo seguendo altre strade che dovrebbero finalmente risolvere il problema dei parcheggi".

Piazza aperta

Ufficialmente la petizione è stata avviata da alcuni commercianti, ma in molti vedono una "spinta" politica della minoranza di centrodestra, quella che all'epoca decise la chiusura giustificando la scelta come un miglioramento estetico della piazza.

"La chiusura della piazza non era ancora definitiva - ha commentato Prevedini - servivano sei-sette mesi per l'assestamento, poi ci sono state le elezioni..."