Menu
Cerca

Parrocchia e castello uniti, per la prima volta, per la sagra del paese

Parrocchia e Gruppo della Civiltà Contadina per la prima volta uniti nell’organizzazione della Sagra del Paese. Due eventi ad ingresso gratuito per un’unica festa, che si terrà il 31 agosto in occasione della Madonna del Santo Rosario.

Parrocchia e castello uniti, per la prima volta, per la sagra del paese
Treviglio città, 14 Agosto 2018 ore 13:43

Parrocchia e Gruppo della Civiltà Contadina per la prima volta uniti nell’organizzazione della Sagra del Paese. Due eventi ad ingresso gratuito per un’unica festa, che si terrà il 31 agosto in occasione della Madonna del Santo Rosario.

Parrocchia e castello uniti

"Si tatta di una prima nella prima – concordano i due responsabili don Giuseppe e Fulvio Pagani, rispettivamente parrocco cittadino e presidente Gruppo Civiltà Contadina – nata durante un incontro al castello visconteo cittadino: i due gruppi hanno avuto l’idea di aprire la tradizionale sagra paesana unendo le nostre due realtà. Una proposta subito accettata da tutti e che ha portato a questa collaborazione che vede, per la prima volta, disporre di ben due eventi a favore della cittadinanza e dei fruitori della festa".

Due luoghi, due eventi, un'unica festa

I due gruppi, infatti, autonomamente stavano organizzando due eventi paralleli. Quando si sono poi resi conto che si sarebbero tenuti nello stesso giorno hanno deciso di unire le due manifestazioni, facendo così rete. E per la prima volta il gruppo dei giovani della parrocchia e il Gruppo Civiltà Contadina si sono uniti per portare una festa unica alla comunità pagazzanese. In sostanza la comunità potrà usufruire nello stesso momento di due luoghi simbolo, oratorio e castello. Da un lato, infatti, la musica per i più giovani con il gruppo «Intrigo band»; al castello, invece, uno spettacolo dedicato al country grazie all’esibizione della cantante americana «Eileen Rose» accompagnata dai Silver Threads.

Nessuna concorrenza

"I due eventi non si fanno concorrenza – hanno commentato gli organizzatori – perché, infatti, il pubblico è differente. Ciò non toglie che ci siano flussi da e per il castello verso l’oratorio e viceversa. Si tratta, piuttosto, di offrire due grandi spettacoli ai nostri concittadini pagazzanesi". La ristorazione vera e propria, inoltre, come comunemente concordato nell’incontro, sarà all’interno dell’oratorio mentre al castello sarà la volta di birra, bevande e patatine fritte.