I consigli

Parlare di Coronavirus ai bambini: i consigli degli esperti di stress traumatico e Ats Bergamo

Ats Bergamo e associazione Esmr hanno diffuso alcuni consigli su come affrontare il tema di Covid-19 con i più piccoli.

Parlare di Coronavirus ai bambini: i consigli degli esperti di stress traumatico e Ats Bergamo
Treviglio città, 08 Marzo 2020 ore 12:26

Raccontare il virus non è facile e l’ansia in queste ore difficili coinvolge tutti, bambini compresi. Che a casa da scuola sono esposti tanto quanto noi alle emozioni legate a quello che sta succedendo in Lombardia.  Per questo l’altro ieri, venerdì, è stato sottoscritto un protocollo tra Ats Bergamo e Associazione Emdr – un gruppo di professionisti che si occupano di stress traumatico e di interventi specialistici con vittime di traumi psicologici e di situazioni di stress.  Si tratta di cinque regole per parlare di Coronavirus ai più piccoli e di alcune linee guida per tutti, su come gestire la paura e l’agitazione in questi giorni.

Come raccontare il Coronavirus ai bambini

Nel documento condiviso da Ats si consiglia di parlare con i bambini di Coronavirus seguendo cinque regole o consigli.

  1. Racconta la verità in modo semplice
  2. Scegli immagini e informazioni adeguate. Scegli un momento al giorno da dedicare insieme alla visione delle informazioni per poter rendere comprensibile e rassicurante il contenuto
  3. Trasmetti affetto, sicurezza e attenzione
  4. Permetti ai bambini di mantenere abitudini piacevoli: gioco, attività scolastiche, attività all’aria aperta
  5. Dichiara ai bambini che molti professionisti (medici, infermieri, forze dell’ordine) molto capaci stanno lavorando costantemente per ripristinare sicurezza e dare aiuto agli ammalati, sottolineando aspetti positivi delle azioni di cura

Parlare delle proprie emozioni aiuta

Sono state diffuse anche alcuni consigli generali per la popolazione.

L’informazione è importante, meglio consultare solo fonti istituzionali: Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità e ATS Bergamo. Segui le norme igieniche consigliate dal Ministero della Salute Scegli due momenti al giorno per informarti e il canale attraverso il quale vuoi farlo. L’esposizione continua alle informazioni è inutile e favorisce la paura e lo stato d’allerta.  Quando è possibile, mantieni le tue abitudini ordinarie nel rispetto delle regole di comportamento suggerite alla comunità cui appartieni. Potrebbe capitarti di provare paura o agitazione: è una reazione normale, sappiamo che parlare delle tue emozioni può aiutare a sentirti meglio. Potresti sentirti a volte in difficoltà a concentrarti o a prendere decisioni, anche questo aspetto è normale conseguenza dello stress.

Sonno e atteggiamento positivo

E ancora: “Mantieni il più possibile la regolarità del sonno. Stai con le persone che puoi frequentare e che ti fanno stare bene: questo permette di rasserenare la mente e calmare la paura. Ricorda che un atteggiamento positivo aiuta te e la collettività”.

Il documento è stato siglato dal direttore di Ats Bergamo Massimo Giupponi (nella foto in alto) e dalla presidente dell’associazione EMDR Italia, Carmen Isabel Fernandez Reveles.  Il primo step prevede la diffusione di un decalogo diretto alla popolazione adulta e di un secondo vademecum per quel che riguarda i bambini che verranno diffusi dall’Agenzia di Tutela della Salute tramite i suoi canali, in particolare il sito internet e i social media. I successivi interventi saranno messi in campo nei prossimi giorni in relazione all’evolversi della situazione.

TORNA ALLA HOME

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia