Menu
Cerca

Opere pubbliche, Treviglio stanzia un milione

Nella primavera del 2019 al via i lavori per la rotatoria di viale Piave. In programma anche l'ampliamento del cimitero.

Opere pubbliche, Treviglio stanzia un milione
Treviglio città, 21 Novembre 2018 ore 16:31

Opere pubbliche per un milione di euro tra il 2018 e il 2019. E’ quanto stanzierà l’Amministrazione comunale per due cantieri di rilievo per la città: la nuova rotatoria di viale Piave e l’ampliamento del cimitero.

Opere pubbliche

Per la prima delle due opere pubbliche, che costerà circa 300 mila euro, la Giunta guidata dal sindaco Juri Imeri ha approvato mercoledì il progetto di fattibilità tecnica ed economica. L’intervento, che prevede anche un piccolo esproprio, rientra nella riqualificazione dell’asse tra l’ex Foro Boario e l’ex Baslini, per permettere una maggiore fluidità del traffico. "Verrà realizzata una rotonda di piccole dimensioni - ha spiegato il primo cittadino - La viabilità non cambierà, quindi via Locatelli resterà a senso unico verso viale Piave. Verranno realizzati anche i percorsi ciclopedonali e gli attraversamenti verranno messi in sicurezza".

Riqualificazione dell'asse

I lavori dovrebbero essere appaltati entro la fine dell’anno e dovrebbero poi cominciare nella primavera del 2019. Le opere pubbliche lungo l'asse non finiscono qui. Una volta terminati, sarà poi la volta dell’incrocio tra viale De Gasperi, viale Piave e viale Montegrappa. Resterà il semaforo, ma sarà del tipo «Intelligente», ovvero non sarà temporizzato, ma seguirà il flusso del traffico, garantendo quindi una maggiore fluidità dei veicoli.

Ampliamento del cimitero

Restando in tema di opere pubbliche, si procederà anche con l’ampliamento del cimitero. "Il progetto globale richiederà un investimento di 670 mila euro - ha precisato il primo cittadino - Nella prima fase, verranno stanziati 300 mila euro, necessari agli espropri e alla realizzazione della recinzione. Successivamente, a partire dal 2019, si interverrà con l’allargamento del cimitero e la realizzazione, probabilmente a lotti, di nuovi loculi e tombe, in base anche all’effettiva domanda". Il terreno che acquisirà il Comune, che si trova a nord ed è al momento suddiviso tra diversi proprietari, è di circa 8 mila metri quadrati.

TORNA ALLA HOME