Operaio disoccupato inabile per le aziende abile per l’Inps

Una storia ai limiti del surreale di un 56enne di Canonica d'Adda che si ritrova senza lavoro per le sue condizioni fisiche, non abbastanza gravi però da consentirgli di avere la certificazione di invalidità.

Operaio disoccupato inabile per le aziende abile per l’Inps
13 Agosto 2018 ore 11:15

Inabile per le aziende, abile per l’Inps. E’ la situazione paradossale in cui è rimasto impantanato un operaio disoccupato di 56 anni, con moglie e figlio a carico, che chiede solo di poter lavorare.

Produzione trasferita, operaio disoccupato

Gianpiero Brambilla, 56 anni, originario di Monza ma residente a Canonica dal 1995, ha moglie e figlio a carico.  Lavorava come operaio nel milanese fino a che l’azienda ha trasferito la produzione in Polonia. Dal 2014 dunque Brambilla è disoccupato.

Problemi alla schiena e agli occhi

“Ho un’invalidità del 55% per problemi alla schiena dovuti a due ernie del disco – ha spiegato – Non potrei sollevare pesi per più di dieci chilogrammi e non più di una volta l’ora, ma l’ho sempre fatto, non mi sono mai tirato indietro. Inoltre a causa di un incidente, che non mi è stato riconosciuto come infortunio in quanto sono tornato subito al lavoro e ho atteso troppo prima di andare al Pronto soccorso, ho subito il distacco della retina da entrambi gli occhi. Ci sono stati degli interventi ma poi è subentrato un glaucoma, non vedo più bene come prima, e la sera evito di guidare” Brambilla non si è perso d’animo e si è dato da fare per trovare una nuova occupazione, rivolgendosi alle agenzie interinali e distribuendo curriculum porta a porta, ma l’età non aiuta e nemmeno le sue problematiche.

Invalido, ma non abbastanza

Quando mi presento alle aziende e, registrando la mia invalidità verificano le mie condizioni fisiche, mi sento dire che per loro non sono abile in quanto la mia situazione è peggiorata rispetto al 55% che risulta dai documenti – ha continuato – La cosa paradossale è che, invece, quando mi sono rivolto all’Inps per chiedere l’aggiornamento della mia invalidità, la richiesta è stata respinta perché secondo loro io posso lavorare. Ho fatto ricorso ma il 10 luglio è arrivato un nuovo respingimento”.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME

 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve