Menu
Cerca

Ondata di furti in città, le nebbie agevolano i ladri

E' allarme furti a Romano, ma la Polizia locale ha già messo in atto nuove e strategiche misure di sicurezza del territorio

Ondata di furti in città, le nebbie agevolano i ladri
Cronaca 19 Novembre 2017 ore 18:35

L’arrivo delle nebbie ha portato anche le prime intrusioni dei ladri negli appartamenti.

L’allarme

Settimana scorsa sono state diverse le richieste d’intervento arrivate al Comando di Polizia Locale di Romano, tutte a seguito di furti o tentate intrusione. Non è un caso che proprio settimana scorsa siano cominciate le prime fitte nebbie, soprattutto nell’orario tardo pomeridiano e che proprio in questo lasso temporale, quando la maggior parte degli appartamenti è ancora vuoto, con gli occupanti fuori casa per lavoro. Quello dei Cappuccini è stato il quartiere più colpito, ma furti si sono verificati anche in centro. Una catena di reati che ha spinto la Polizia locale ad intensificare l’azione di prevenzione.

Nuove misure di sicurezza

«Purtroppo quello dell’aumento dei furti degli appartamenti è un problema che si ripresenta ogni anno con l’inizio dell’inverno. -ha detto Arcangelo di Nardo, comandante della Polizia Locale – Dal 2014 , grazie ad una serie di iniziative, come quella del Controllo del Vicinato e all’implementazione dei dispositivi di sicurezza sul territorio, le statistiche di questa tipologia di reato è calata vertiginosamente, ma i fatti di settimana scorsa testimoniano che il problema non si è estinto».La Polizia Locale, ha analizzato le dinamiche del reato e soprattutto dei responsabili, le dinamiche di azione, gli spostamenti. Elementi che hanno permesso la definizione delle strategie di contrasto e prevenzione.

Il treno come via di fuga

«Uno dei punti fondamentali per l’individuazione dei trasgressori è il controllo della stazione dei treni. -ha detto il comandante – Abbiamo verificato che la maggior parte dei responsabili di furti fermati, usava i treni per spostarsi, lasciando la propria vettura in un Comune vicino e servito dalle ferrovie, per poi agire a piedi o col supporto di altri per poi una volta compiuto il reato tornare in treno alla sua vettura. Per questo abbiamo potenziato ulteriormente i controlli in stazione, ogni giorno gli agenti monitorano l’area, così come le pattuglie sul territorio e la collaborazione con il Controllo del vicinato, in modo da poter intervenire tempestivamente».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli