Seriate

Offrono guanti anti-Covid in cambio di una donazione per i bisognosi, 3 donne denunciate

E' successo nel primo pomeriggio di ieri, nel parcheggio del Leroy Merlin di Seriate.

Offrono guanti anti-Covid in cambio di una donazione per i bisognosi, 3 donne denunciate
Bergamo e hinterland, 21 Maggio 2020 ore 11:40

Offrono guanti “anti-covid” e chiedono fondi per le famiglie bisognose: 3 donne denunciate dai carabinieri. I Carabinieri della Tenenza di Seriate hanno denunciato 3 donne milanesi che, nel parcheggio di un esercizio commerciale, offrivano guanti anti-covid e chiedevano offerte per conto di una presunta associazione benefica, dichiarando di essere autorizzate dal comune di Seriate e di destinare il ricavato alla famiglie bisognose.

Truffa nel parcheggio del Leroy Merlin

Nel primo pomeriggio di ieri, nel parcheggio del Leroy Merlin di Seriate, il comandante della locale Tenenza Carabinieri, in borghese e libero dal servizio, ha individuato 3 donne, milanesi di 45, 43 e 38 anni – quest’ultima con precedenti analoghi, le quali, con fare rassicurante e presentandosi come appartenenti all’associazione benefica “Scarpetta rossa” – risultata estranea ai fatti, con tanto di banchetto e cartellino ben visibile chiedevano offerte ai passanti da devolvere alle famiglie bisognose di Seriate.

Tre donne denunciate

Nella circostanza, il comandante dei Carabinieri, dopo aver verificato con il sindaco l’inesistenza di qualsiasi autorizzazione da parte della locale amministrazione comunale, con l’ausilio della Polizia Locale ha identificato le 3 donne procedendo agli ulteriori accertamenti, nel corso dei quali sono stati rinvenuti circa 800 euro, in parte nascosti nella ruota di scorta dell’auto usata dalle stesse.
A termine delle attività, le responsabili sono state denunciate per truffa in concorso e sottoposte a foglio di via obbligatorio, l’auto e il materiale utilizzato sono stati sequestrati.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia