Cremasco

Officina non autorizzata alla demolizione, multa da quasi 20mila euro

Oltre alla denuncia all'Autorità Giudiziaria i carabinieri hanno disposto il sequestro di 102 veicoli fuori uso e dell'intera area.

Officina non autorizzata alla demolizione, multa da quasi 20mila euro
Cronaca Cremasco, 07 Dicembre 2020 ore 11:51

E’ di circa 20mila euro l’ammontare delle sanzioni amministrative e penali a carico dei due titolari di una officina meccanica del Cremasco, oltre alla denuncia alla locale Autorità Giudiziaria e al sequestro di 102 veicoli fuori uso.

Officina non autorizzata nel Cremasco

Il sopralluogo congiunto dei Reparti speciali dell’ Arma (Carabinieri per la Tutela Forestale e Carabinieri per la Tutela del Lavoro) si inserisce nella campagna di controlli a carattere nazionale finalizzata alla tutela delle matrici ambientali e rispetto delle norme sul lavoro, quelle inerenti la sicurezza nei luoghi di lavoro e quelle relative al contenimento Covid19, con particolare riguardo ai siti gestori di rifiuti particolarmente sensibili a illeciti e reati a danno dell’ambiente quali gli impianti di demolizione veicoli e gestione rifiuti speciali.

Tutto sotto sequestro

All’atto del controllo i militari della Stazione carabinieri Forestale di Crema hanno rilevato sostanziali violazioni al Testo Unico Ambientale relativamente alle prescrizioni impartite dalla Provincia di Cremona ed assenza di autorizzazioni per effettuare attività di raccolta, trasporto, recupero, smaltimento, intermediazione e commercio di veicoli. L’area sulla quale erano depositati i 102 veicoli fuori uso è stata posta sotto sequestro. Rilevata anche la non corretta compilazione registro carico scarico rifiuti punita con sanzione da 2.070 a 12.400 euro.

Sanzioni per 18mila euro

Contestualmente i militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Cremona hanno accertato irregolarità contrattuali e gestionali per i dipendenti, inosservanza delle misure di contenimento Covid19 e inadempienze riguardo le norme per la sicurezza sui luoghi di lavoro. Elevate, quindi,  ammende (penali) e sanzioni amministrative per un totale superiore a 18mila euro.

Le attività di demolizione di veicoli fuori uso e contestuale recupero o riutilizzo dei componenti e materiali da esse derivanti, sono disciplinate dalla legge e possono essere svolte unicamente da soggetti autorizzati oltreché dotati di tutti i requisiti previsti dalla normativa vigente. Queste attività producono rifiuti speciali pericolosi che devono essere correttamente gestiti al fine di ridurre al minimo l’impatto ambientale e stimolare il riciclo e recupero dei materiali risultanti garantendone la rintracciabilità.

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità