Nuove campane a Norcia dalla Bassa

La Sabbadini di Fontanella si è occupata del restauro

Nuove campane a Norcia dalla Bassa
Cronaca 12 Novembre 2017 ore 14:08

Le nuove campane a Norcia avranno sempre un po’ un rintocco, una nota, una cromatura fontanellese. E di certo, Fontanella resterà sempre un po’ nei cuori dei suoi abitanti. O per essere più precisi, nelle orecchie. Visto che due delle quattro campane della cattedrale Santa Maria Argentea sono state restaurate da una ditta del paese.

Nuove campane a Norcia

Un restauro di successo tutto made in Bassa orientale. Risale a circa un anno fa, l’arrivo del sisma in Umbria. A causa del terremoto, la cattedrale era crollata completamente. Di lei era rimasto ben poco.
La stessa sorte l’hanno condivisa le campane. Da qui, quindi, la necessità di essere restaurate.
E a pensarci è stata una ditta della Bassa orientale. Si tratta dell’azienda «Sabbadini» di Fontanella, un vero e proprio punto di riferimento nel campo.
Su quattro campane in totali, due sono state rimesse in funzione e in sesta dalla ditta fontanellese.

Un restauro made in Fontanella

Le campane in questione che sono state restaurate sono le due maggiori della cattedrale.
Fortunatamente il sisma non ha provocato danni irreversibili ai due strumenti. La più grande era stata infatti tolta quasi integra dai vigili del fuoco. Mentre la più piccola è piombata sulla cella campanaria, ma fortunatamente non ha riportato danni così rilevanti e irreparabili.
La più grande risale al 1800 mentre la meno grande è più recente, essendo stata realizzata nel secolo scorso e il loro valore nel complesso si aggira sui 70mila euro. Un (ulteriore) motivo di vanto per l’azienda del paese che così facendo ha lasciato un segno indelebile nella comunità umbra.