Una nuova piazza all'ex Castello

La Giunta ha dato l'incarico ad uno studio di architettura per "ridisegnare" la nuova piazza De Capitani d'Arzago all'esterno dell'ex Castello.

Una nuova piazza all'ex Castello
Treviglio città, 09 Gennaio 2018 ore 18:23

Affidato l'incarico per la progettazione della nuova piazza che sorgerà davanti al centro civico "Alda Merini", l'ex Castello. I lavori previsti nel 2019.

Il progetto della nuova piazza

La riqualificazione di piazza De Capitani d'Arzago era uno dei punti programmatici di Gabriele Riva e della sua lista "Paese Nuovo". Con la vittoria nelle elezioni del giugno scorso l'Amministrazione ha dato il via all'iter progettuale di quella che, nelle intenzioni dell'Esecutivo, dovrà diventare una vera e propria nuova piazza per il paese, tra spazi verdi, nuovo arredo urbano e posti auto.

Si attende il progetto preliminare

Da spiazzo sterrato, davanti all'ex Castello di Arzago, ora centro civico "Alda Merini", a vera e propria piazza. Il nuovo volto di piazza De Capitani d'Arzago, nell'idea dell'Amministrazione, sarà uno spazio aperto con tanto verde. "Verrà eliminata la recinzione che delimita il cortile dell'ex Castello - spiega il sindaco Riva - e il progettista dovrà studiare come integrarlo con la piazza vera e propria". Ai margini un marciapiede pedonale che proseguirà sino alla parte anteriore del Centro civico, dove c'è l'ingresso della biblioteca e della sala musica. Lì verranno sacrificati alcuni parcheggi, ma nuovi stalli di sosta potrebbero sorgere nel tratto di via Europa che costeggia la piazza.

Progetto definitivo nel 2018, lavori il prossimo anno

Il progetto preliminare della nuova piazza sarà pronto in primavera. Verrà valutato e una volta approvato lo step successivo sarà arrivare al definitivo-esecutivo dell'opera. "Le intenzione della nostra Amministrazione - ha concluso il sindaco Riva - sono quelle di arrivare al progetto esecutivo quest'anno per poi iniziare i lavori nel 2019. Non abbiamo ancora una stima dei costi, ma si aggireranno tra i 250 e i 300 mila euro. Quando avremo un computometrico certo, poi, dovremo trovare i fondi necessari all'intervento".