Nella cucina dell’Abf chef speciali per la cena di ” Ci sono anch’io” FOTO

Presenti istituzioni locali e non solo per confermare la vicinanza all'associazione morenghese.

Nella cucina dell’Abf chef speciali per la cena di ” Ci sono anch’io” FOTO
Treviglio città, 04 Dicembre 2019 ore 10:15

Grande successo della cena di solidarietà organizzata dall’associazione “Ci sono anch’io” all’ABF di Treviglio. Con più di 70 inviatati la cena preparata dai ragazzi diversamente abili dell’associazione morenghese al comando dello chef Sabatini hanno espresso abilità culinarie inaspettate.

“Ci sono anch’io” all’Abf di Treviglio

L’associazione ha ringraziato l’organizzazione dell’ABF che dal preside Davide Finazzi, allo chef al responsabile di sala Andrea Casali a tutti ragazzi che frequentano l’Istituto per il loro entusiasmo e disponibilità e per l’opportunità che offrono a tanti ragazzi diversamente abili di aver un percorso lavorativo che gli permette
di pensare a una vita il più normale possibile.

Chef speciali in cucina

Il corso di cucina e sala-bar, non a caso denominato “Cucino come te”, che i ragazzi frequentano tutti i venerdi all’ABF ha lo scopo di migliorare la loro autonomia assecondandone le capacità e attitudini nel solco del progetto nel quale l’associazione sta traghettando questi ragazzi a gestire la delicata fase del “Durante di noi” in preparazione al “Dopo di noi”. Tra i progetti dell’associazione, infatti, il più importante è “Una casa nel cuore”, ovvero la costruzione di una casa per tutti i ragazzi, metaforicamente rappresentata durante la serata da una sagoma raffigurante una casa in cui tutti i partecipanti alla cena hanno attaccato un cuoricino che simboleggia un mattoncino per la realizzazione di questo progetto.

5 foto Sfoglia la gallery

Istituzioni al fianco dei più fragili

Presenti autorità e istituzioni che hanno dimostrato la propria vicinanza alla disabilità: tra loro anche l’onorevole Elena Carnevali che anche in questi giorni è impegnata in un disegno di legge a favore delle persone più fragili. Treviglio è stata rappresentata dal vicesindaco Pinuccia Prandina e dal presidente della Commissione Pari Opportunità Valentina Tugnoli che ha sottolineato come “il compito della società è fare inclusione e quando si tratta, appunto, di inclusione la Commissione Pari Opportunità non può che essere in prima linea”.

Gli obiettivi dell’associazione

Educazione, competenza, eguaglianza, esperienza, coinvolgimento. Sono le chiavi per l’integrazione sociale dei ragazzi con diverse abilità. Presente anche il sindaco di Calvenzano e presidente dell’Ambito distrettuale di Treviglio (di cui fanno parte 18 Comuni) Fabio Ferla che si occupa, tra le altre cose, di individuare e scegliere le priorità e gli obiettivi delle politiche di carattere sociale, socio-sanitarie, sanitarie, educative, formative, del lavoro e della casa il quale ci ha manifestato il suo apprezzamento per il lavoro svolto dall’associazione definito “efficiente ed efficace che, con amore e dedizione, si premura di supportare le persone con fragilità nel loro percorso di vita”. Per l’Amministrazione di Morengo era presente, invece, l’assessore Laura Gualandris che ha ricevuto il ringraziamento di “Ci sono anch’io” per il supporto ricevuto in questi mesi.

E in futuro? Arrivare a Treviglio

L’associazione, intanto, è già all’opera per le prossime iniziative e ha lanciato un appello a tutti coloro che volessero mettere a disposizione qualche ora del proprio tempo per sostenere il lavoro della Onlus. E per il futuro, perché no, magari riuscire ad approdare anche a Treviglio portando in città le iniziative e i percorsi gestiti nei laboratori di Morengo.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia