Menu
Cerca
I dati

Mai tanti morti dal Dopoguerra: il terribile 2020 nei dati dell’Istat, Comune per Comune

L'andamento della mortalità del 2020 rispetto alla media degli anni tra il 2015 e il 2019, in ciascun Comune della Provincia di Bergamo.

Mai tanti morti dal Dopoguerra: il terribile 2020 nei dati dell’Istat,  Comune per Comune
Cronaca Bergamo e hinterland, 07 Marzo 2021 ore 19:33
Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi saranno migliaia le famiglie in tutta Italia, ma bergamasche in particolare, che celebreranno il primo anniversario della morte di un papà, o di una mamma, di una nonna o di un nonno. L’anno nero della pandemia è costato nel 2020 alla provincia di Bergamo, ufficialmente, 3347 morti. Molti di più se si contano le migliaia di decessi mai rientrati nelle statistiche, perché causati o accelerati da contagi mai diagnosticati.

Mortalità: i dati per Comune in provincia di Bergamo

Nei giorni scorsi, l’Istat ha pubblicato i dati aggiornati sulla mortalità in ciascun Comune italiano, arrivando alla conclusione che la prima ondata di marzo-aprile e la seconda ondata di novembre hanno fatto del 2020 l’anno con più decessi in assoluto dal Dopoguerra. Nell’infografica che segue, l’andamento della mortalità del 2020 rispetto alla media degli anni tra il 2015 e il 2019, in ciascun Comune della Provincia di Bergamo (cerca il tuo nella tendina a cascata).  Nella maggior parte dei Comuni i due picchi di marzo/aprile e di novembre sono nettissimi e impressionantemente evidenti.

Mai così tanti morti dal Dopoguerra

Tra il mese di febbraio e il 31 dicembre 2020 sono stati registrati 75.891 decessi nel Sistema di Sorveglianza Nazionale integrata Covid-19 dell’Istituto superiore di Sanità. Contando tutti i decessi, anche quelli non legati al Coronavirus, “nel 2020 il totale dei decessi è stato il più alto mai registrato nel nostro Paese dal secondo dopoguerra: 746.146 decessi, 100.526 decessi in più rispetto alla media 2015-2019 (15,6% di eccesso)” spiega il report dell’Istituto nazionale di Statistica. Inutile dire però che il peso della pandemia è stato micidiale. Soprattutto per la Lombardia: le province che hanno registrato un maggior incremento di decessi sono proprio Bergamo con +60,6%, Cremona con +52,7%, Lodi con +46,7% e Brescia, con +40,7%.

Il 76,3% della mortalità in più è dovuta a over80

Dal momento che i primi decessi per Covid-19 sono della fine di febbraio, volendo stimare l’impatto dell’epidemia Covid19 sulla mortalità totale “è più appropriato considerare l’eccesso di mortalità verificatosi tra marzo e dicembre 2020” continua l’Istat. “In questo periodo si sono osservati 108.178 decessi in più rispetto alla media dello stesso periodo degli anni 2015-2019 (+21%)”. Un incremento dovuto in particolare all’incremento delle morti della popolazione con 80 anni e più, una “fetta” che pesa il 76,3% dell’eccesso di mortalità complessivo.

Quattordici morti su cento positivi al Covid-19

Dall’inizio dell’epidemia e fino al 31 dicembre 2020 il contributo dei decessi Covid-19 alla mortalità totale è stato, a livello medio nazionale, del 10,2%. Al Nord, si arriva al 14,5%.

Tre fasi, due ondate. I numeri fotografano esattamente quello che tutti noi abbiamo percepito nel corso dei mesi. Un anno diviso in tre fasi: la prima ondata, che ha falcidiato migliaia di persone da febbraio alla fine di maggio, è stata caratterizzata “da una rapidissima diffusione dei casi e dei decessi e per una forte concentrazione territoriale prevalentemente nel Nord del Paese”.

Il bilancio di questa prima fase dell’epidemia per la Lombardia ha significato un aumento del 111,8% di mortalità.

Nella stagione estiva, da giugno a metà settembre, Istat ha rilevato una “fase di transizione”, nella quale la diffusione “è stata inizialmente molto contenuta”. “A partire dalla fine di settembre 2020, con la seconda ondata, i casi sono di nuovo aumentati rapidamente fino alla prima metà di novembre, per poi diminuire”.

Uomini più colpiti

I dati mostrano anche che sono morti per Covid-19, in proporzione, più uomini che donne. “L’eccesso di mortalità osservato nel 2020, a livello medio nazionale, aumenta al crescere dell’età ed è più accentuato negli uomini rispetto alle donne. Considerando la classe di età con 80 anni e più, si passa da una flessione della mortalità del 3,5% del periodo gennaio-febbraio a un aumento di circa il 40% nelle due ondate epidemiche. Per le donne della stessa classe di età, la variazione dei decessi, rispetto alla media 2015-2019, va dal -7,4% del bimestre gennaio-febbraio ad un incremento del 33% circa nelle due ondate”

Non è finita…

Non è finita, come del resto mostrano ogni giorno i report della Protezione civile. “Gli effetti della seconda ondata epidemica sulla mortalità proseguono nel 2021. Per il mese di gennaio si stimano 70.538 decessi, 2 mila in più rispetto alla media dello stesso mese del periodo 2015-2019 e 8.500 in più rispetto a gennaio 2020 – prosegue l’Istat – Questo eccesso per il 75% riguarda le regioni del Nord: la Lombardia, il Veneto e l’Emilia-Romagna da sole spiegano il 50% dell’eccesso di gennaio 2021.

Meno morti per l’influenza “stagionale”

I dati di gennaio 2021 mostrano anche un’altra particolarità, a livello nazionale. Il valore assoluto dei decessi per Covid-19 (12.527) riportato dalla Sorveglianza, è infatti superiore all’eccesso statistico calcolato per il mese sull’anno precedente. “Questo fenomeno è probabilmente attribuibile alla riduzione, rispetto agli anni precedenti, della mortalità per cause diverse dal Covid-19, come ad esempio l’influenza, che grazie alle misure di distanziamento ha avuto una minore incidenza nell’ultima stagione” conclude l’Istat.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio – RomanoWeek – CremascoWeek in edicola da venerdì prossimo, 12 marzo 

TORNA ALLA HOME

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli