Cronaca
Indagini in corso

Muore a 43 anni dopo un intervento per dimagrire, otto indagati

Emanuela Katia Tundo era stata operata a Zingonia lo scorso 26 maggio. Otto giorni dopo il ricovero a Matera per complicazioni: è morta il 19 giugno.

Muore a 43 anni dopo un intervento per dimagrire, otto indagati
Cronaca Media pianura, 15 Agosto 2022 ore 10:12

L'accusa formulata è di omicidio colposo e lesioni colpose in seguito alla morte della 43enne, originaria di Marconia di Pisticci, in provincia di Matera, Emanuela Katia Tundo. A ricevere l'avviso di garanzia sono stati i medici del Policlinico San Marco di Zingonia e dell'ospedale Madonna delle Grazie di Matera dove la donna si recò rispettivamente per eseguire un intervento di riduzione dello stomaco e dove venne poi ricoverata in seguito a delle complicazioni.

Muore dopo un intervento allo stomaco

Una vicenda che ha ancora molte ombre e su cui la procura di Matera vuole vedere chiaro. Emanuela Katia Tundo lo scorso 26 maggio era stata ricoverata al Policlinico San Marco di Zingonia per effettuare uno dei classici interventi "per dimagrire". Tutto sembrava essere andato bene, ma qualche giorno dopo la donna ha iniziato sentirsi male. Così il 3 giugno è stata ricoverata all'ospedale di Matera ed era finita nuovamente in sala operatoria per un'emorragia interna. Un intervento da cui non si è mai risvegliata. La 43enne è infatti rimasta in terapia intensiva fino al suo decesso avvenuto il 19 giugno.

L'autopsia farà chiarezza

I famigliare che hanno presentato la denuncia hanno raccontato che la donna, che prima dell'intervento pare godesse di buona salute, aveva iniziato ad accusare dei forti dolori all'addome e un malessere generale. L'esame autoptico sul corpo della donna è stato effettuato lo scorso 1 luglio alla presenza dei medici legali nominati dal pm di Matera Maria Christina De Tommasi. Gli accertamenti dovranno chiarire se la 43enne era nelle condizioni di sottoporsi a questo intervento e se valutare le procedure e la qualità dell'assistenza fornita alla donna.

 

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter