Occhio alla multa

Movida e degrado: a Vailate ora si rischiano sanzioni fino a 150 euro

Sanzioni per chi infrange le novità del regolamento di Polizia locale

Movida e degrado: a Vailate ora si rischiano sanzioni fino a 150 euro
Cremasco, 16 Agosto 2020 ore 15:07

Multe fino a 150 euro per chi disturba la quiete e sporca i parchi. Contro movida e degrado arriva la modifica del regolamento di Polizia locale.

Movida e degrado

Un provvedimento volto a limitare il degrado e la movida serale che causa di frequente episodi di disturbo della quiete pubblica. Principali responsabili del disagio sono i giovani del paese, che durante l’estate sono soliti trascorrere all’aperto le proprie serate, macchiandosi spesso di gesti di inciviltà che d’ora in avanti verranno sanzionati a dovere.

Cambio del regolamento

Un problema, quello rappresentato dal binomio movida e degrado, che non è nuovo a Vailate e sul quale l’Amministrazione medita da tempo, dopo i vani tentativi di far valere le regole con la sola persuasione. Recentemente la situazione si è fatta intollerabile e agli schiamazzi si sono aggiunti danneggiamenti di beni pubblici (una panchina) e l’abbandono di bottiglie vuote davanti al cimitero, al termine dei ritrovi notturni. Da qui, l’idea di modificare il regolamento della Polizia locale, approvato nell’ultima seduta consiliare.

Multe fino a 150 euro

Il divieto specifico riguarda la detenzione all’aperto di bevande alcoliche e non , salvo per coloro che le consumano nei plateatici degli esercizi pubblici. La modifica al regolamento è stata affissa anche sul territorio, specificando il divieto di disturbare la quiete pubblica con schiamazzi, abbandonare i rifiuti sul suolo pubblico, sederesi sui pronai ai lati dell’ingresso del cimitero, detenere all’aperto, nei parchi pubblici, sul viale del cimitero e altre vie cittadine contenitori di vetro o metallo dopo le 22. I trasgressori saranno puniti con multe da 50 a 150 euro

TORNA ALLA HOME

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia