Menu
Cerca

A Rivolta la prima stazione per le auto elettriche FOTO

Una domenica green a cui hanno preso parte anche i bambini delle elementari coinvolti da un progetto contro lo spreco dell'acqua

A Rivolta la prima stazione per le auto elettriche FOTO
Cronaca 30 Settembre 2017 ore 16:51

Doppia inaugurazione a Rivolta nel segno dell’ecologia e del rispetto per l’ambiente. Un sabato “green” che ha visto il taglio del nastro della prima stazione di ricarica per veicoli elettrici e dell’ormai collaudata Casa dell’acqua.

Primi in Provincia

L’inaugurazione di ieri mattina a Rivolta segna un momento storico: per la prima volta in provincia di Cremona viene tenuta a battesimo una stazione di ricarica per veicoli elettrici. Un passo importante nella direzione del rispetto per l’ambiente voluta e realizzata grazie al contributo economico di Giovanni Grioni (Gruppo Volkswagen) e di altri sponsor, che è riuscito a coinvolgere il Parco della Preistoria e a ottenere dal sindaco Fabio Calvi l’area del parcheggio situato vicino all’edicola di via Cesare Battisti.

Ti dà la carica

Caricare un’auto elettrica non è forse semplice come servirsi per il pieno di benzina alle nostre auto tradizionali, ma sicuramente l’ambiente ringrazierà. Con tre ore e mezza di ricarica (che si consiglia di fare a casa propria) l’auto raggiunge la completa autonomia. Alla stazione di ricarica con un’attesa di 20 minuti si può raggiungere un buon 60%. E i costi? Per il momento sarà tutto gratuito. Il Comune si è preso in carico il costo, comunque irrisorio, di poche centinaia di euro. Presente anche la Polizia locale di Canonica, la prima a dotarsi di un mezzo elettrico.

Un brindisi… con l’acqua

Quale occasione migliore, allora, per inaugurare ufficialmente anche la Casa dell’acqua? La struttura già funzionante da qualche tempo è tornata protagonista grazie alla partecipazione degli alunni delle elementari che lo scorso anno erano stati coinvolti proprio in un progetto sull’acqua. Un modo per ribadire la lotta allo spreco partendo dalle giovani generazioni. Per questo ai bambini sono state poi consegnate anche alcune bottiglie per servirsi alla casetta.

15 foto Sfoglia la gallery