Cronaca
Tragedia a Pagazzano

Malore improvviso, muore all'oratorio

La vittima è una caravaggina di 72 anni, stava bevendo un caffé con alcuni amici e compagni di un corso serale.

Malore improvviso, muore all'oratorio
Cronaca Gera d'Adda, 12 Dicembre 2021 ore 09:02

Si sente male all’improvviso mentre prende il caffè al bar dell’oratorio di Pagazzano e muore sotto gli occhi increduli dei presenti. Vittima Marialuisa Belli, vedova di 72 anni, che lascia due figli, Paolo e Valentina. Una sorte simile era toccata anni fa anche al fratello, Vittorio Belli, e al marito, il mobiliere Claudio Denti.

Tragedia a Pagazzano

Una tragedia inattesa, che si è abbattuta sulla famiglia come un fulmine a ciel sereno, martedì sera, intorno alle 22.
La caravaggina non aveva particolari problemi di salute e frequentava un corso di ginnastica che si tiene all’oratorio pagazzanese. Quando è successo l’irreparabile si stava intrattenendo con gli amici.

"Non sappiamo nemmeno noi quello che le è accaduto - ha raccontato il figlio il giorno dopo la disgrazia - solo che si è accasciata sul tavolino mentre beveva il caffé con i compagni del corso e l’istruttore. Quest’ultimo ha tentato di rianimarla ma è stato tutto inutile... Forse l’ha colpita un arresto cardiaco o un ictus, non è chiaro perché non è stata effettuata l’autopsia, non era necessario".

Sul posto è presto intervenuta una pattuglia dei carabinieri della stazione caravaggina e in seguito la salma è stata ricomposta nella casa funeraria «Bosco-Cavalli» che si trova sulla circonvallazione Specchio.

Come il fratello, anni prima

"Anche a suo fratello era successa la stessa cosa anni fa - ha continuato sconsolato Paolo - Fu stroncato da un aneurisma all’aorta, lo trovarono morto. E non molto dopo, nel 2011, toccò a mio padre: ebbe un aneurisma celebrale e, sebbene fossero riusciti a salvarlo, rimase per quattro anni in stato quasi vegetativo prima di spegnersi". Una sorte davvero crudele che si è accanita sui due fratelli, che in un giorno di festa, il giorno dell’Immacolata Concezione, hanno dovuto di nuovo raccogliersi nel dolore per l’ennesimo lutto.

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola, oppure QUI