Cronaca
Verdellino

Maier Cromoplastica, proseguono sciopero e presidio totale

Ieri in Consiglio sono stati accolti i lavoratori e le delegate sindacali dell'azienda di via Madrid.

Maier Cromoplastica, proseguono sciopero e presidio totale
Cronaca Media pianura, 30 Giugno 2022 ore 12:00

Presidio permanente e sciopero a oltranza fino al 6 luglio: questo hanno deciso alle 17 di ieri, mercoledì 29 giugno, in una lunga e dibattuta assemblea, i lavoratori e le lavoratrici della Maier Cromoplastica di Verdellino, che protestano dal 24 giugno dopo che 5 macchinari produzione erano stati prelevati dalla fabbrica e trasportati all’estero dalla proprietà. Il 6 luglio infatti si deciderà il futuro dello stabilimento bergamasco: una riunione dei soci dovrà decidere se investire sul sito produttivo o se dismetterlo del tutto o in parte.

Maier: procedono sciopero e presidio

“Siamo soddisfatti della tenuta del presidio e della solidarietà ricevuta da più parti. Il 6 è una data non vicina ma abbiamo la forza di continuare – commenta Vittorio Tornaghi, Fiom CGIL Bergamo - Speriamo che nel frattempo l’azienda, che fino ad ora è stata completamente assente, si renda disponibile ad incontrarci per cominciare a trovare soluzioni a questa complicata vicenda”.

Lavoratori in Consiglio comunale: "Non mollate"

Intanto il tema è stato portato all'attenzione del Consiglio comunale di Verdellino che ieri sera ha accolto i lavoratori e le delegate sindacali per ascoltare le loro richieste e garantire loro il sostegno e l'impegno dell'Amministrazione.

“Presidio e sciopero hanno un prezzo alto da pagare per noi– spiega Marzia Giannuzzi, delegata sindacale in Maier – ogni giornata passata senza lavorare è una giornata di stipendio in meno. Il caldo di questi giorni e gli acquazzoni non aiutano, ma andiamo avanti con turni di 4 ore e abbiamo visto intorno a noi tanta solidarietà, dal sindaco al pensionato in bicicletta che ci porta qualcosa da mangiare o da bere. Andiamo avanti, comunque. Siamo molto delusi dal comportamento della proprietà, che ha tradito la nostra fiducia promettendo investimenti prima, e spostando i macchinari ad azienda chiusa poi. Per noi la battaglia non è ancora persa, non ci arrendiamo”.

"Non mollate - ha risposto il sindaco Silvano Zanoli - cercheremo di starvi vicino il più possibile. Vogliamo che questa azienda resti sul territorio e continui a garantire il futuro di 92 famiglie".

Solidarietà anche da Helga Ogliari (Vivere) che per prima ha chiesto al sindaco di invitare i lavoratori in Aula per ascoltare la loro esperienza e che ha parlato di "responsabilità sociale" - mancata - da parte dell'azienda. Impegno sottoscritto anche da Umberto Valois (Insieme per cambiare) che ha confermato per il 4 luglio l'incontro con il tavolo di crisi in provincia di Bergamo.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter