Cronaca
Verdellino

Maier Cromoplastica, i parlamentari Pd: “Evitare la liquidazione, gli ammortizzatori sociali ci sono”

Oggi un nuovo incontro in provincia per valutare alternative alla liquidazione dell'azienda che dà lavoro a 92 persone.

Maier Cromoplastica, i parlamentari Pd: “Evitare la liquidazione, gli ammortizzatori sociali ci sono”
Cronaca Media pianura, 18 Luglio 2022 ore 16:01

Prosegue l’incertezza per i 92 lavoratori della Maier Cromoplastica di Verdellino: la multinazionale spagnola Mondragon, proprietaria dell’azienda, rimane ferma sulla sua posizione di voler cessare ogni attività, rimanendo però aperta a un tavolo di trattative qualora si trovasse un acquirente. Sulla vicenda sono intervenuti, oggi, anche i parlamentari del Pd per chiedere di valutare ogni possibilità per evitare la liquidazione dell'azienda.

Maier, incontro in Provincia

“L’incontro di oggi con il presidente Gandolfi e suoi tecnici, a cui va il nostro ringraziamento, insieme alle rappresentanze sindacali, istituzionali, di Confindustria e i liquidatori incaricati dall’azienda Maier, è stata l’occasione per chiedere agli attuali proprietari un atteggiamento di maggior responsabilità sociale nei confronti dei lavoratori e delle lavoratrici - hanno commentato i parlamentari del PD Elena Carnevali, Antonio Misiani e Leyla Ciagà - Serve innanzitutto che vengano esperite tutte le possibilità di vendita o cessione o riconversione produttiva dell’azienda prima della messa in liquidazione. I 70 giorni di margine temporale, dato dai liquidatori come tempo massimo tra la fine della produzione a luglio e agosto per l’utilizzo delle ferie, non sono sufficienti per la verifica di eventuali aziende interessate all’acquisto. Per questa ragione è necessario che nella sede dell’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Lombardia insieme a quello del Lavoro, si proceda velocemente a un incontro con la Provincia e Confindustria, che hanno dato la loro disponibilità".

"Si usino gli ammortizzatori sociali"

"Dal canto nostro, la presentazione dell’interrogazione e la verifica nelle sedi nazionali continueranno, nonostante la situazione attuale di crisi politica - proseguono - Privare il territorio di Zingonia di un altro pezzo di manifatturiero e licenziare i lavoratori e le lavoratrici che in questi anni hanno fornito alla Maier disponibilità e competenze, sarebbe molto grave. C’è davvero bisogno di responsabilità, innanzitutto verso i lavoratori e le lavoratrici. L’uso degli ammortizzatori può consentire sia di garantire maggiori tutele sia di avere più tempo per la verifica reale di queste possibilità”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter