Cronaca
Cologno al Serio

Lunedì 17 luglio via ai lavori al polo d'infanzia per realizzare nido e mensa

Il cantiere apre e cambia la viabilità fino a venerdì 21 luglio.

Lunedì 17 luglio via ai lavori al polo d'infanzia per realizzare nido e mensa
Cronaca Pubblicazione:

Lunedì 17 luglio avranno inizio i lavori presso il Polo d’infanzia statale di Cologno al Serio per realizzare il nuovo nido e la nuova mensa a servizio del "Polo Zerosei".

Polo d'infanzia: arrivano nuovo nido e nuova mensa

Il progetto «Zerosei» per il nuovo polo d'infanzia, che sorgerà in ampliamento della materna, era stato presentato in in un’assemblea pubblica lo scorso aprile. Sarà pronto in 18 mesi e sarà usufruibile per l’anno scolastico 2025-2026.

"Il progetto parte da lontano - aveva detto la sindaca Chiara Drago - il sistema “Zerosei” è un’innovazione molto recente, figlio della legge 107: uno dei suoi decreti attuativi del 2017 ha istituito il sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita ai sei anni di età. Nel 2021 il Ministero dell’Istruzione ha poi emesso un bando sull’edilizia scolastica 0-6 e, anche sulla scorta di quello è successo durante la pandemia, abbiamo deciso di partecipare, coinvolgendo l’ingegner Silvia Albani, supportati dall’ufficio Tecnico. Ad agosto siamo risultati finanziati e successivamente è arrivato il Pnrr".

La parola era passata alla vice, Giovanna Guerini, che aveva affrontato il tema dei finanziamenti.

"Il Comune ha ottenuto contributi relativi agli interventi di edilizia scolastica pari a 7 milioni 673mila 564 euro - aveva spiegato - per il polo dell’infanzia"Zerosei" sul piatto 3 milioni 284mila euro, che comprende il 10% suppletivo per il caro-prezzi. Saranno realizzati anche una nuova mensa per la scuola dell’infanzia e un adeguamento di quella della primaria e si procederà all’efficientamento di elementari e medie e la costruzione della nuova mensa per queste ultime. Le scelte progettuali sono state condivise con le insegnanti, l’Ats, i gestori della mensa ed esperti nella gestione degli asili nido".

I dettagli del progetto

"Lo studio di fattibilità presentato per il bando prevedeva un investimento di 3 milioni di euro per la realizzazione di un polo ampliando e migliorando la scuola dell’infanzia statale già esistente - aveva affermato Albani - I punti principali dell’intervento erano la costruzione di un nido a gestione comunale per 35-40 bimbi, di una nuova mensa al piano terra per 180 piccoli (di nido e materna), di una piazza da usare come spazio gioco e relazioni tra nido e materna, oltre all’efficientamento e la messa in sicurezza dell’attuale materna".

Studio poi sviluppato nel progetto esecutivo dell'ingegnere Oscar Pagani, che lo aveva illustrato con delle slides.

"Saranno presenti totem che riprendono la serie di schermature esistenti intorno alla scuola, ospitano le canalizzazioni dell’impianto di ventilazione e areazione del vespaio a protezione dal radon - aveva spiegato il tecnico - eliminati i giardini a sud ci si è allargati a nord, dove oggi c’è un campetto: qui si darà vita a un grande prato, verrà smantellata parte dell’area giochi e quella mantenuta sarà attrezzata. Per il nido è previsto un giardino sopraelevato a uso esclusivo. Gli spazi saranno rialzati rispetto ad oggi e si creerà un terrapieno a + 1,50 metri rispetto al piano della strada".

L’ingegnere aveva chiarito la distribuzione degli spazi.

"A destra ci sarà il nido, a sinistra la mensa per la materna, in mezzo l’accesso con rampa a norma per disabili, un corridoio centrale con due spogliatoi dotati di bagno, infermeria e un’aula insegnanti. Il tetto è in unica falda in lamiera, all’interno in legno a vista per mensa e piazza con nove lucernari per consentire un’illuminazione naturale, per il nido in fibra naturale. Vi saranno installati pannelli fotovoltaici per una potenza massima di 57 chilowatt. Previste vie di fuga, una dall’interrato e saranno mantenute palestra e mensa esistente, quest’ultima sarà utilizzata dagli alunni delle elementari. Per evitare l’incrocio dei flussi con quelli della materna verrà realizzata una nuova apertura a nord. Verranno sostituite le caldaie a gas con una pompa di calore di tipo ibrido e verrà installato un impianto di ventilazione sia a piano terra che nell’interrato per risolvere il problema dell’umidità. Per accedere al giardino a nord c’era solo una porta per cui si darà vita a una nuova scala che avrà anche funzione di sicurezza in caso di evacuazione. Le vecchie aula insegnanti e infermeria saranno accorpate in un’unica sala per i bambini della materna perché ne perderanno una a favore del nido, ma saranno recuperate come spiegato sopra. Idem per il bagno disabili per adulti".

L’asilo occuperà una superficie totale di 305 metri quadrati.

"Sono previsti ripostigli e tre sezioni con affaccio a sud, le pareti sono quasi totalmente vetrate per dare luce naturale - aveva precisato Pagani - ma per evitare abbagliamento e surriscaldamento saranno posizionati frangisole orizzontali fissi che creeranno una zona di penombra prevista anche come spazio gioco esterno. Due aule avranno in comune l’aula-sonno, mentre quella destinata ai più piccoli ne ha una sua. Ognuna è dotata bagni attrezzati a misura di bimbo. Nella piazza prevista c’è uno spazio esclusivo delimitato con arredi fissi. Nessuna sala mensa perché secondo quando chiesto dalle maestre i pasti si consumeranno in aula".

La mensa per la scuola materna avrà una capienza ampia, per accogliere 180 bimbi.

"La cucina resta nell’interrato e tramite ascensore/scala si accede a un locale per l’impiattamento al piano terra e poi si consegnano i pasti ai bimbi nella mensa - ha riferito l’ingegnere - vetrate sia a sud che a nord, così che si possa vedere la piazza. Tetto in legno a vista con pannellature appese in cartongesso per assorbire il rumore".

Ecco come cambia la viabilità

Lunedì avranno inizio i lavori e sarà necessario delimitare come area di cantiere diversi parcheggi e una parte della stradina a fondo chiuso che porta al bocciodromo. Per consentire l'accesso e il posizionamento dei mezzi di cantiere fino a venerdì 21 luglio saranno occupati diversi stalli di sosta posti su via Circonvallazione nei pressi del cancello che porta alla scuola dell'infanzia statale.

 

Seguici sui nostri canali