Cronaca
drone in agricoltura

Lombardia, prima ad usare droni nella difesa delle coltivazioni

Regione Lombardia ha sviluppato un piano che prevede l'utilizzo del drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari a protezione delle colture; un programma di azioni che è partito dalla sperimentazione su riso e vite e ora interessa anche le coltivazioni olivicole.

Lombardia, prima ad usare droni nella difesa delle coltivazioni
Cronaca Bergamo e hinterland, 06 Agosto 2022 ore 09:18

Esito molto positivo per la prova sul campo di un drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari a protezione delle colture eseguita nell'oliveto dell'azienda Monte Croce, a Desenzano del Garda in provincia di Brescia. Al test ha assistito l'assessore regionale all'Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi.

I test

Regione Lombardia ha sviluppato un piano che prevede l'utilizzo del drone per la distribuzione di prodotti fitosanitari a protezione delle colture; un programma di azioni che è partito dalla sperimentazione su riso e vite e ora interessa anche le coltivazioni olivicole. Le prime sperimentazioni, dopo l'approvazione del piano da parte del ministero, sono iniziate nei giorni scorsi in provincia di Pavia e di Sondrio e, ieri venerdì 5 agosto, si sono svolte anche in provincia di Brescia.

 

Le attività progettuali sono state sottoposte, nel rispetto della normativa vigente, al ministero della Salute per le verifiche dei gruppi di esperti e le relative autorizzazioni. La proposta del progetto è stata apprezzata per la completezza e solo a fronte di piccole integrazioni è stata rapidamente autorizzata. Ogni intervento è preventivamente notificato al Ministero della Salute e alle ATS competente per territorio.

Il commento

"Servono progetti innovativi - ha spiegato l'assessore lombardo - per far fronte ai problemi che stanno mettendo in ginocchio alcune filiere. Con questo piano valuteremo l'efficacia del drone per raggiungere zone meno accessibili; per valutare, inoltre, la precisione della distribuzione e quantificare anche i risparmi per le aziende in termini economici e di lavoro. Tutte le prove sono realizzate con prodotti fitosanitari autorizzati per le colture nel rispetto dei dosaggi di etichetta; il monitoraggio sarà costante per garantire qualità e sostenibilità ambientale. Una volta ottenuti i risultati valuteremo l'utilizzo su più larga scala".

"La normativa nazionale non prevede, ad oggi - ha aggiunto l'assessore regionale - l'utilizzo dei droni per l'applicazione di prodotti fitosanitari. Il nostro piano, primo a livello nazionale, farà da apripista a tutto il comparto italiano. Ci aspettiamo ottimi risultati. Da qui deve partire anche un adeguamento della legge". "Il drone - ha chiosato - viene ormai usato in tutto il mondo, non possiamo sempre restare indietro a causa della burocrazia".

Negli ultimi anni il settore olivicolo lombardo ha subito una crescente pressione per via del manifestarsi di nuove problematiche fitosanitarie (Cascola verde, cimice asiatica e tignola rodiscorza) oltre a quelle storiche, come la mosca dell'olivo, che nel complesso hanno significativamente compromesso la capacità produttiva del comparto.

Nel 2019 si è registrata una perdita pari al 90% rispetto al triennio 2016-2018. Se nel 2020 la produzione di olive si è attestata intorno alle 5700 tonnellate, il 2021 è risultato un anno ancora più nero con una produzione di sole 1200 tonnellate.

L'obiettivo di questo sotto progetto è sperimentare una strategia di applicazione efficace e innovativa per la difesa dalla mosca dell'olivo in alcuni oliveti lombardi che combini l'impiego dei droni e di esche insetticide autorizzate..

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter