Le mura di Bergamo sono patrimonio mondiale dell’Unesco

Le mura di Bergamo sono da oggi patrimonio Unesco. Da Cracovia l'annuncio: le fortificazioni veneziane diventano patrimonio dell'umanità.

Le mura di Bergamo sono patrimonio mondiale dell’Unesco
Cronaca 09 Luglio 2017 ore 13:27

Questa mattina l’annuncio: le mura di Bergamo, da oggi, fanno parte del patrimonio dell’umanità

Bergamo patrimonio dell’Unesco

L’annuncio è arrivato nella tarda mattinata di oggi. A Cracovia l’Unesco ha approvato la candidatura della città, le mura sono da oggi patrimonio Unesco. Ad ottenere il pestigioso status è tutto il complesso di fortificazioni veneziane del XVI-XVII secolo, fortificazioni che passano da Bergamo, Peschiera e Palmanova per arrivare sino a Sebenico e Zara in Croazia e Cattaro in Montenegro. La Città di Bergamo, che si era fatta capofila del progetto, vede così riconosciuto il valore storico delle proprie mura. Questo è il cinquantatreesimo sito italiano riconosciuto patrimonio Unesco, l’undicesimo in Lombardia.

Le parole del sindaco

Tempestive sono giunte le dichiarazioni del sindaco della città, Giorgio Gori: «Questo è un giorno molto importante per Bergamo – ha affermato, – un giorno per il quale abbiamo lavorato con impegno. Ringrazio tutte le persone, a partire dai sindaci Bruni e Tentorio, che da dieci anni a questa parte hanno sempre creduto a questo sogno, il sogno di veder riconosciuto come patrimonio dell’umanità quello che da sempre è il tratto distintivo della nostra città. Per le mura di Bergamo – ha proseguito Gori – si apre ora una stagione di gestione e valorizzazione sotto l’egida dell’Unesco. Le mura, che una volta rappresentavano la chiusura e la difesa della città, sono oggi il simbolo dell’apertura di Bergamo al mondo».

Le dichiarazioni

Numerose le manifestazioni d’entusiasmo da parte anche di altre autorità: «La proclamazione avvenuta oggi a Cracovia rende ulteriore merito allo straordinario patrimonio culturale della Lombardia – ha dichiarato il presidente della Regione, Roberto Maroni. – La Lombardia rafforza così il proprio primato di regione con il maggior numero di siti Unesco in Italia e si conferma, anche in questo ambito, una vera eccellenza nazionale».

«Questo riconoscimento da parte dell’Unesco rappresenta un volano importante non solo per la città di Bergamo, ma per tutta la nostra provincia – ha dichiarato invece l’assessore regionale all’Ambiente, Claudia Terzi. – Anche a livello europeo avremo un’occasione unica per attrarre turismo e far riscoprire la straordinaria eredità che la Serenissima Repubblica ci ha lasciato. Un’occasione unica, mi auguro che non venga sprecata».

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli