Menu
Cerca

Lavoro finto per non andare in carcere, smascherato

Ha millantato un impiego come operaio per ottenere l'affidamento in prova ai servizi sociali.

Lavoro finto per non andare in carcere, smascherato
Cronaca Treviglio città, 12 Dicembre 2017 ore 08:19

Aveva millantato un lavoro finto per non andare in carcere e ottenere l’affidamento in prova ai servizi sociali ma è stato smascherato e arrestato dai carabinieri.

Arrestato marocchino 25enne

Ieri i Carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato su ordine di esecuzione un marocchino 25enne. L’uomo aveva alle spalle già diversi precedenti penali per reati vari in materia di droga e contro il patrimonio. L’Ufficio di Sorveglianza di Brescia gli ha revocato l’affidamento in prova ai servizi sociali a cui era stato precedentemente ammesso.

Lavoro finto come operaio

Lo straniero infatti,  per poter  usufruire della misura alternativa alla detenzione, aveva dichiarato di lavorare come operaio in un’impresa della bergamasca. Peccato però che si trattasse di un lavoro finto, non reale. Fatta la segnalazione alla Magistratura di Sorveglianza, è stata quindi ripristinata la detenzione in carcere nei confronti del 25enne. Non avendo un vero lavoro sono infatti  venuti meno i presupposti del beneficio che gli era stato concesso.

L’arresto

I militari della stazione dei carabinieri di Zingonia ieri si sono quindi presentati a casa del magrebino a Ciserano. Gli hanno notificato il provvedimento di restrizione della libertà personale. Lo hanno quindi arrestato e lo hanno portato in carcere a Bergamo, dove ora si trova per scontare la sua pena.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli