Menu
Cerca
We run together

L’asta benefica del Papa per gli ospedali di Bergamo e Brescia convince gli sportivi

Si proseguirà fino all’8 agosto: tantissimi nomi dello sport italiano e internazionale hanno garantito la loro partecipazione.

L’asta benefica del Papa per gli ospedali di Bergamo e Brescia convince gli sportivi
Cronaca Bergamo e hinterland, 08 Giugno 2020 ore 10:21

Lunedì 8 giugno parte l’asta “We run together”, iniziativa sportiva di beneficenza promossa da Papa Francesco. Una gara di solidarietà a favore degli ospedali di Bergamo e di Brescia, che nei mesi scorsi hanno combattuto in prima linea contro la pandemia.

Aste sportiva e benefica

Per una volta, lo sport mette da parte violenze e business: lo stanno dimostrando i tantissimi campioni che stanno rispondendo all’invito del Papa a “correre con il cuore” attraverso l’asta solidale. Su www.charitystars.com si potrà partecipare alla raccolta di fondi per il personale sanitario del Papa Giovanni e degli Spedali civili di Brescia. L’asta è realizzata con la collaborazione di Fiamme Gialle, Cortile dei Gentili e Fidal Lazio. “We Run Together” – spiega il sito vatican.va – è un “ponte di pace che unisce donne e uomini di religioni e culture diverse, promuovendo inclusione, amicizia, solidarietà, educazione”. Così aveva detto il Pontefice il 20 maggio nell’incontro con Athletica Vaticana per lanciare l’iniziativa.

Il primo a rispondere è stato Alex Zanardi, che ha messo all’asta la maglietta “d’oro” indossata alle Paralimpiadi di Rio del Janeiro nel 2016. Il mondo paralimpico ha aderito in massa schierando tutti i suoi campionissimi. Dal canto suo, il Papa ha deciso di mettere all’asta la bicicletta personalizzata che gli aveva donato il campione slovacco Peter Sagan nel corso di una udienza generale. Sagan, tre volte campione del mondo, si è detto “fiero ed emozionato” di poter contribuire a “We Run Together”: “Spero che la bici del Papa diventi un simbolo per tutti per ripartire nella vita” senza lasciare indietro nessuno, ha detto.

Gli sportivi rispondono all’appello

Nel primo gruppo di atleti che hanno aderito all’asta ci sono anche la nostra Sofia Goggia, Francesco Totti, Filippo Tortu, Federica Pellegrini, i fratelli Giuseppe e Carmine Abbagnale, l’equipaggio di Luna Rossa e gli schermidori Valerio Aspromonte e Carolina Erba che hanno aperte le porte della loro casa: sarà possibile allenarsi con Tortu, vedere all’opera gli Abbagnale nello storico quartier generale del canottaggio a Castellamare di Stabia e salire a bordo di Luna Rossa che ha la sua base a Cagliari.

“We Run Together” proseguirà fino all’8 agosto. Settimana dopo settimana ci saranno la Ferrari e la Lamborghini e poi Juventus, Milan, Lazio e Brescia. Fra i campioni olimpici e mondiali di tanti sport hanno già aderito Carolina Kostner, Bebe Vio, Tania Cagnotto, Arianna Fontana, Dorothea Wierer, Ivan Zaytsev, Arianna Fontana, Flavia Pennetta, Gianmarco Tamberi, Kristian Ghedina, Antonio Rossi, Christian Innerhofer e moltissimi altri. Sono infatti sempre di più gli atleti e le squadre che stanno rispondendo all’invito del Pontefice.

Notizie su “We Run Together” si possono trovare su www.athleticavaticana.org, www.cortiledeigentili.com e www.fiammegialle.org.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli