Menu
Cerca
Belle notizie

La vita non si ferma: a Treviglio si continua a nascere FOTO

Sono 240 i bambini nati dall'inizio dell'anno. Ecco le informazioni utili per le donne che devono partorire a Treviglio.

La vita non si ferma: a Treviglio si continua a nascere FOTO
Cronaca Treviglio città, 09 Aprile 2020 ore 13:41

In ospedale si soffre, si combatte. Nelle case si lotta e si piange in solitudine chi non ce l’ha fatta. Ma c’è un luogo anche a Treviglio dove tutto questo resta fuori. Deve restare fuori. E’ un luogo quasi magico, dove la vita – soprattutto in questo momento – rinasce.

E’ il reparto di maternità dell’Asst Bergamo Ovest, all’ospedale di Treviglio, dove ogni giorno sono al lavoro ostetriche e medici, infermiere e personale che continuano a sostenere tutte le donne in gravidanza e ad accogliere i bambini e le bambine che si affacciano alla vita.

La vita non si ferma

Al quarto piano dell’ospedale trevigliese si continua a gioire per l’unico dolore in grado di regalare poi la gioia più grande.

“Dal 1 gennaio 2020 a oggi sono nati 240 bambini con un aumento di 14 parti rispetto all’anno precedente – ha spiegato Antonella Villa Direttore UOC Ostetricia e Ginecologia – Dall’inizio della pandemia ad oggi i parti sono stati 117, di cui 56 maschi e 61 femmine”.

Un’onda di vita che non si ferma e che ha spinto l’intero reparto a inviare un messaggio di speranza a tutti. Lo hanno fatto attraverso uno striscione appeso proprio dalle finestre del quarto piano dell’ospedale. “Dalla nostra sala parto un messaggio di speranza – si legge sul lenzuolo – la vita non si ferma”. Poche parole, un arcobaleno e due fiocchi, rosa e azzurro ovviamente, dalla forza straordinaria.

2 foto Sfoglia la gallery

Il reparto lavora a pieno ritmo

Il reparto che ha sempre garantito l’assistenza alle donne in gravidanza, in questo periodo particolare, ha adottato protocolli di sicurezza speciali per garantire la salute delle mamme e dei piccoli.

“Stiamo garantendo in sicurezza il percorso nascita: visite ostetriche, ecografie ostetriche, ambulatori di patologia della gravidanza, gravidanza a basso rischio ostetrico e diagnosi prenatale sia in ospedale che sul territorio, a seconda delle competenze delle diverse strutture – ha aggiunto Villa – Per tutte le gravide viene compilata una check-list di ingresso al reparto con la quale vengono esclusi eventuali segni di sospetta infezione; se segnalati sintomi sospetti, vengono messe in atto tutte le procedure di sicurezza”.

Partorire al tempo del Coronavirus: ecco cosa c’è da sapere

Sono tanti i dubbi che attanagliano le donne in gravidanza man mano che si avvicinano al parto. Oggi, con l’emergenza Coronavirus in atto, i dubbi aumentano ancor di più. Sono molte, quindi, le donne in procinto di partorire che si stanno chiedendo se potranno contare sulla presenza del futuro papà in sala parto e se potranno, ad esempio, ricevere visite.

La presenza del papà al momento del parto è consentita per le pazienti (ed i papà) senza alcun segno sospetto di infezione, dotati di idonei dispositivi DPI. Il papà può fermarsi nelle due ore successive al parto, senza allontanarsi dalla sala parto in cui è in osservazione la puerpera, per poi lasciare il reparto”.

Diverso, invece, per le visite di parenti e amici (e anche del papà).

Non sono consentite visite successive fino alla dimissione della puerpera, tranne casi particolari in cui è necessaria la presenza del papà anche per eventuali comunicazioni riguardante la salute della mamma e del bambino, questo per garantire la sicurezza di mamme e dei bambini – ha concluso – La sicurezza durante tutta la degenza è costantemente monitorata dal personale di reparto che vigila sugli accessi e sul rispetto delle norme di comportamento e prevenzione del contagio, anche da parte delle degenti che indossano le mascherine chirurgiche”.

Consentito, invece, il rooming-in dei neonati nelle camere, ovvero la possibilità per la mamma di tenere con sé il proprio bambino o bambina per tutto il tempo che desidera.

TORNA ALLA HOME

 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli