La Regione stanzia 400mila euro per contrastare bullismo e cyberbullismo

Ecco come presentare i progetti

La Regione stanzia 400mila euro per contrastare bullismo e cyberbullismo
Treviglio città, 15 Settembre 2018 ore 12:51

“Bullout” e’ la linea d’intervento dell’assessorato regionale alle Politiche per la famiglia,
Genitorialita’ e Pari opportunita’ che mette a disposizione 400 mila euro a fondo perduto per programmi di prevenzione e contrasto a bullismo e cyberbullismo, con particolare riferimento al mondo della scuola.

Prevenzione e contrasto a bullismo e cyberbullismo

I progetti dovranno sensibilizzare, informare e formare, minori, famiglie, vittime di atti di bullismo e di cyberbullismo; proporre azioni di recupero rivolte agli autori di atti di bullismo e di cyberbullismo; suggerire azioni di sviluppo e di consolidamento delle policy di contrasto a scuola e in comunita’. I progetti dovranno indicare obiettivi, target, azioni, tempistiche; partenariato; dati di contesto; ambiti di intervento scelti e piano economico.

Spese ammesse al contributo

Le spese ammissibili sono solo quelle riferite al progetto e riguardano personale dipendente o non dipendente per il periodo di realizzazione; iniziative di comunicazione per la diffusione e la promozione; beni strumentali, quali attrezzature, necessari all’attuazione; spese generali non superiori al 5% del costo totale.
Le spese ammissibili sono quelle sostenute dal capofila o dal partner e sono riconoscibili dalla data di pubblicazione sul Burl e fino alla data di conclusione del progetto. Non saranno considerate ammissibili le spese di investimento per acquisto di beni ammortizzabili.

Criteri di valutazione

I progetti verranno valutati in relazione alla coerenza del piano di intervento rispetto a obiettivi, target, risultati attesi, soggetti attuatori, risorse economiche e non; analisi del contesto di riferimento sulla base di fonti attendibili di dati; esperienza, nelle attivita’ indicate nel piano di intervento, da parte dei soggetti attuatori, con riferimento ai risultati ottenuti; esperienza di rete gia’ consolidata dei soggetti capofila; indicazione dettagliata dei risultati quali-quantitativi previsti e degli impatti attesi, in termini di destinatari raggiunti e di rilevanza territoriale; sostenibilita’ del piano economico, con voci di spesa adeguate e dettagliate.

Modalità di rendicontazione

Alla dalla data di approvazione della graduatoria, ai soggetti capofila dei progetti ammissibiliverra’ erogata una anticipazione del 90 per cento del costo progetto. Il saldo verra’ erogato, previa presentazione della rendicontazione finanziaria, alla sua conclusione.

TORNA ALLA HOME

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve