Menu
Cerca
Celebrazione

La Lega a Pontida ricorda i militanti morti per Covid

Insieme al deputato Cristian Invernizzi, referente provinciale per Bergamo, c'erano colleghi parlamentari, assessori e consiglieri regionali del Carroccio.

La Lega a Pontida ricorda i militanti morti per Covid
Cronaca Treviglio città, 02 Maggio 2021 ore 11:13

Venerdì sul pratone di Pontida alcuni esponenti della Lega hanno voluto commemorare i militanti morti a causa del Covid-19. Presenti deputati, senatori, amministratori, assessori e consiglieri regionali.

La Lega commemora i militanti morti per Covid

Un momento di raccoglimento e di commemorazione per tutti quei militanti che la pandemia da Covid-19, purtroppo, non ha risparmiato. Collaboratori, amministratori locali o semplici militanti della Lega in un territorio, quello della bergamasca, che è rimasto profondamente segnato dal virus. Venerdì alcuni esponenti del partito si sono ritrovati sul pratone di Pontida – luogo simbolo dei raduni dei lumbard – per deporre una corona a ricordo dei morti a causa del Coronavirus. Insieme al deputato Cristian Invernizzi, referente provinciale della Lega Bergamo Salvini Premier, c’erano colleghi parlamentari di Camera e Senato, assessori e consiglieri regionali del Carroccio.

“Il vostro ricordo non si spegnerà mai”

Al termine della cerimonia che si è svolta venerdì il deputato Invernizzi ha spiegato il motivo del ritrovo. “Ci siamo ritrovati a Pontida per commemorare i nostri militanti e i nostri amministratori che, nell’ultimo anno, ci hanno lasciato a causa del Covid-19. Con tutti loro abbiamo trascorso momenti indimenticabili e insieme abbiamo combattuto tante battaglie per le nostre comunità. Bergamo non potrà mai dimenticare tutto questo. È il giorno della preghiera e del ricordo: la Lega Bergamo si stringe attorno a tutte le famiglie che hanno subito un lutto e piange con loro i tanti morti che ci hanno lasciato – ha dichiarato Cristian Invernizzi -. Il Prato di Pontida rappresenta per noi leghisti molto. Non potevamo che ricordare qui, in piena sicurezza nel primo giorno utile della zona gialla, tutti i nostri militanti che non ci sono più. A loro va il nostro tributo silenzioso e vero”.