Romano

La Caritas Romano ricorda Franco e Carlo, fondatori scomparsi

Domenica scorsa è stata posta, all'ingresso della Caritas di Romano in piazza Fiume, una targa commemorative ai due volontari e fondatori Carlo Cortesi e Franco Dehò.

La Caritas Romano ricorda Franco e Carlo, fondatori scomparsi
Cronaca Romanese, 08 Luglio 2021 ore 16:01

Domenica scorsa è stata posta, all'ingresso della Caritas di Romano in piazza Fiume, una targa commemorative ai due volontari e fondatori Carlo Cortesi e Franco Dehò.

Alla memoria

Scomparsi nel corso dell'ultimo drammatico anno, i due sono stati due figure storiche del volontariato. Franco Dehò infatti è stato coordinatore per vent'anni della Caritas inter parrocchiale di Romano. Al suo fianco Carlo Cortesi, volontario onnipresente. Durante la cerimonia è stato appeso un quadro in cui i volontari del Gruppo Missionario San Francesco Saverio, la Caritas e la Conferenza S. Vincenzo hanno scritto un frase sul valore della carità.

Il ricordo

«Vorremmo elencare tutte e tutti questi volontari della Carità, ma sappiamo che non basterebbero le righe, perché ognuno di noi anche solo in qualche frangente si può unire alla fila; perché oltre ai nostri gruppi di servizio, la carità è stile di vita che ci chiama ad essere prima di tutto donne e uomini caritatevoli. - ha detto Chiara Longhi, coordinatrice Caritas -Un cammino di collaborazione fra il Gruppo Missionario San Francesco Saverio, la Caritas e la Conferenza S. Vincenzo, che ci ha fatto scoprire una volta in più fratelli, sulla stessa barca e sullo stesso campo da seminare: un filo d’oro percorre la città, entra ed esce dalle case, cuce parole antiche e sempre nuove con i gesti mai finiti del prendersi cura gli uni gli altri, sapendo che non siamo soli, dal Cielo siamo accompagnati e sostenuti".

 

Per Franco e Carlo

"A Carlo Cortesi e Franco Deho’ chiediamo di sussurrare al nostro orecchio, di orientare il nostro cuore alla stessa passione che li animò e alla stessa dedizione che li fece diventare punto di riferimento. - ha detto Chiara Longhi, coordinatrice Caritas - A loro con commossa gratitudine, una targa alla memoria per aver aperto la strada, per aver annunciato la Buona Notizia a molti, per aver reso più consapevole ed operosa la nostra comunità. In chiusura, un sentito ringraziamento ai volontari e ai parenti che hanno partecipato il 20 giugno scorso alla benedizione della targa e dell’opera; a don Paolo per le parole di vicinanza e di bene, a don Tarcisio per averci riportato con il ricordo alla gioia degli inizi e a don Angelo Longaretti che non potendo essere presente non ha fatto mancare la sua preghiera».

This image requires alt text, but the alt text is currently blank. Either add alt text or mark the image as decorative.This image requires alt text, but the alt text is currently blank. Either add alt text or mark the image as decorative.

 

TORNA ALLA HOME