Calcio

Investita mentre attraversa sulle strisce pedonali, è polemica sulla rotonda delle “cinque vie”

L'incidente è avvenuto mercoledì alle 11.30 in via Covo, ferita una donna di 60 anni residente in paese.

Investita mentre attraversa sulle strisce pedonali, è polemica  sulla rotonda delle “cinque vie”
Bassa orientale, 20 Novembre 2020 ore 18:04

E’ polemica sulla sicurezza della rotonda delle “cinque vie” a Calcio, dopo che mercoledì mattina una donna è stata investita sulle strisce pedonali. L’ex sindaco Pietro Quartini chiede di rivedere la segnaletica.

L’incidente di Calcio

Erano le 11.30 circa   quando un’autovettura , la cui conducente, una donna di 50 anni residente a Covo, dopo aver svoltato a destra da via Umberto I in direzione via Covo non ha fatto in tempo a frenare impattando sulla malcapitata sessantenne di Calcio. Immediatamente la donna che guidava ha lanciato l’allarme. Sul posto è arrivata un’ambulanza e la Polizia locale di Calcio. La calcense investita, cosciente per tutto il tempo dei soccorsi è stata trasportata all’ospedale di Chiari dove è stata medicata e visitata per i controlli e gli esami previsti. Per la donna al volante invece è scattato il sequestro della patente.

La sicurezza delle cinque vie

L’incidente di mercoledì però ha riaperto il tema della sicurezza stradale alla “rotonda delle cinque vie”. Il passaggio pedonale di via Covo infatti è collocato a pochi metri dalla svolta con cui ci si immette sulla stessa strada, e la visibilità ridotta dalla presenza delle case rende difficile avere il tempo  necessario per frenare se ci si trova davanti un pedone sulle strisce. “Alla luce di questo incidente come minoranza presenteremo un’interpellanza per capire se le  distanze di sicurezza sono state rispettate nella definizione della segnaletica orizzontale. – ha detto Pietro Quartini, capogruppo di minoranza – Così com’è stato impostato è chiaro che l’incrocio non garantisce sicurezza a chi lo attraversa”.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia