Investì ciclista, denunciato pirata della strada per lesioni colpose

E’ stato denunciato in stato di libertà per lesioni colpose aggravate e fuga con omissione di soccorso un 50enne di Caravaggio

Investì ciclista, denunciato pirata della strada per lesioni colpose
Cronaca 06 Ottobre 2017 ore 09:19

E’ stato denunciato in stato di libertà per lesioni colpose aggravate e fuga con omissione di soccorso un 50enne di Caravaggio.

L'incidente

Lo scorso 2 luglio, in piena notte, in via Caldara a Caravaggio, investì una ciclista 58enne, in quel momento di ritorno a casa dopo il lavoro, procurandole così un politrauma da sinistro stradale con una prognosi da 30 giorni. Dopo l’investimento, l’autista si era dato però alla fuga, non prestando difatti soccorso all’infortunata e facendo così perdere le proprie tracce. Alcuni passanti avvisarono i Carabinieri al “112”, determinando quindi l’intervento della pattuglia della Stazione di Caravaggio per i rilievi del caso.

Le indagini

A questo punto iniziarono le indagini certosine dei militari dell’Arma, basate sostanzialmente sulla visione delle telecamere di video-sorveglianza presenti nella zona ed in uso, in particolare, agli esercizi commerciali situati nell’area in questione. In quella circostanza venne altresì sequestrata la bicicletta della donna per indagini tecniche. Dopo circa 3 mesi di accertamenti ed incroci investigativi da parte dei Carabinieri è quindi arrivata la svolta, con l’identificazione del “pirata della strada”.

L'identificazione

Convocato in Caserma e messo sul fatto compiuto, il 50enne non ha comunque ammesso le proprie responsabilità. Sottoposto però a rilievi, il mezzo in uso all’uomo, un’utilitaria che, nella parte anteriore presentava ancora i segni dell’incidente stradale in riferimento. Inequivocabili così i gravi indizi di colpevolezza raccolti nei suoi confronti. La sua posizione è ora al vaglio della Magistratura Bergamasca. Apposita segnalazione, inoltre, è stata anche fatta alla Prefettura del capoluogo per la sospensione della patente di guida, alla luce altresì dell’inasprimento del relativo quadro normativo recentemente modificato con la riforma “sull”omicidio stradale”, che prevede difatti sanzioni maggiorate in caso di incidente stradale provocato di notte, nei centri abitati e con successiva fuga con omissione di soccorso da parte del responsabile.