Inseguimento da film a Dalmine, arrestato pregiudicato albanese

Era già ricercato da mesi per diversi reati: si pensa faccia parte di una banda specializzata nei furti in appartamento.

Inseguimento da film a Dalmine, arrestato pregiudicato albanese
Treviglio città, 04 Gennaio 2019 ore 09:33

Inseguimento da film a Dalmine, arrestato pregiudicato albanese.

Arrestato albanese pregiudicato

In auto – rubata – aveva arnesi da scasso ed era anche ricercato da mesi per un provvedimento di carcerazione per un cumulo pene. Per questo ieri è fuggito all’Alt intimato dai carabinieri durante un posto di blocco. E’ stato arrestato stanotte a Dalmine dai carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Treviglio dopo un inseguimento “da film” protrattosi per diversi chilometri con una “gazzella” del 112. In mattinata, a Bergamo, davanti al Tribunale del capoluogo, si svolgerà l’udienza di convalida nei confronti di G.R., un albanese 29enne, in Italia senza fissa dimora, irregolare e con a carico diversi precedenti di polizia e penali per reati contro il patrimonio, catturato in nottata dai militari dell’Arma dopo un rocambolesco inseguimento in auto iniziato a Osio Sotto, proseguito poi per Osio Sopra e terminato a Dalmine.

In fuga sull’auto rubata

Lo straniero si trovava a bordo di un’autovettura rubata, una Honda CRV di colore nero, il cui furto era stato denunciato i primi giorni dello scorso mese di dicembre in provincia di Milano. Quando gli è stato intimato l’Alt ha proseguito imperterrito la sua corsa, terminata in via Cattaneo a Dalmine, dopo aver urtato violentemente un marciapiede con una ruota del mezzo rubato. Rincorso a piedi per alcune centinaia di metri è stato quindi definitivamente bloccato. Il 29enne ha comunque tentato di colpire con calci e pugni i carabinieri per riuscire a guadagnarsi la fuga, finché non è stato infine ammanettato e neutralizzato.

In auto arnesi da scasso

All’interno del veicolo rubato i militari hanno rivenuto diversi arnesi atti allo scasso: pinze, cacciaviti, torce, guanti e anche due ricetrasmittenti. Tutto sequestrato. Gli investigatori ritengono quindi di aver fermato un componente di una banda specializzata in furti in abitazione o in ditta.

Era ricercato da mesi

Accompagnato in caserma a Treviglio, a carico dello straniero è poi risultato pendente anche, sotto un altro alias, un provvedimento di carcerazione di 2 anni e mezzo circa di reclusione per reati contro il patrimonio, emesso l’estate scorsa dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Bergamo. Per questo è scattato il secondo arresto nei suoi confronti, il primo per resistenza a Pubblico Ufficiale, oltre al deferimento in stato di libertà per ricettazione e possesso di arnesi atti allo scasso, il secondo invece su ordine di carcerazione. In mattinata la relativa udienza di convalida.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia