Menu
Cerca

Influenza 2018 mette a letto 4 milioni di italiani, è la peggiore dal 2004

Registrati, inoltre, 30 decessi e 140 casi gravi. Ecco qualche buona pratica da seguire per difendersi...

Influenza 2018 mette a letto 4 milioni di italiani, è la peggiore dal 2004
19 Gennaio 2018 ore 08:07

Influenza 2018: la peggiore degli ultimi 14 anni. Ce la ricorderemo senz'altro. O almeno tanti di noi, quelli colpiti duramente dal virus influenzale che ha messo a letto 4 milioni di italiani.

La peggiore degli ultimi 14 anni

"La circolazione del virus influenzale quest'anno è molto intensa, superiore anche alla pandemia del 2009/10 e paragonabile solo alla stagione 2004/05".
Queste le parole di Antonino Bella del Dipartimento Malattie Infettive dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) e curatore del bollettino Influnet (fonte Ansa). "Il contagio è particolarmente aggressivo - chiarisce - anche perché circola molto il ceppo B non contenuto nel vaccino trivalente. E' quindi coperto solo chi ha fatto il quadrivalente e questo varia da regione a regione".

Influenza 2018: i numeri

Solo dall'8 al 14 gennaio sono stati 832mila gli italiani colpiti e costretti a letto dal virus. Una cifra che porta a quasi 4 milioni il numero degli infettati. E' quanto emerge dal rapporto epidemiologico Influnet a cura dell'Istituto superiore di sanità. Ancora una volta i più colpiti sono stati i bambini.

Già 30 i decessi

L'influenza non è solo fastidiosa. In alcuni casi, in presenza di patologie pregresse o in particolari condizioni, può essere anche molto pericolosa. Sono già 30, infatti, i decessi causati dall'influenza da settembre a oggi. I cadi gravi sono in aumento: al momento 140 di cui anche tre donne in gravidanza. La Lombardia è la regione in cui, causa anche una migliore sorveglianza, se ne sono registrati di più: 45 casi gravi e 5 decessi.

Come difendersi

Oltre al classico virus influenzale che, quest'anno, porta febbre anche molto alta, tosse e raffreddore, c'è anche il "virus cugino", quello gastrointestinale, altrettanto veloce nel contagio. Come fare, allora, per difendersi? Ci sono poche buone pratiche da tenere sempre a mente.

  1. Lavare bene le mani
  2. Coprire naso e bocca quando si tossisce o si starnutisce
  3. Riposo. Se hai la febbre meglio restare a casa