Covid-19

Infermieri, due mesi nel dramma del Coronavirus

"Eravamo noi ad accarezzare i pazienti che se ne stavano andando e a portare le loro ultime parole ai propri cari".

Infermieri, due mesi nel dramma del Coronavirus
Cronaca Treviglio città, 23 Maggio 2020 ore 14:00

"Per due mesi siamo stati quello che davano le carezze ai pazienti prima di morire e che portavano le loro ultime parole ai propri cari". Gianluca Solitro presidente provinciale di Opi (Ordine professioni infermieristiche), racconta come i suoi colleghi infermieri hanno vissuto il dramma del Coronavirus.

I mesi più difficili in cento anni

"Credo che negli ultimi cento anni questi due mesi siano stati di gran lunga i più difficili per gli infermieri - ha spiegato al Giornale di Treviglio Solitro in una lunga intervista sul numero in edicola - Non tanto dal punto di vista tecnico, perché siamo abituati ad affrontare certe situazioni, ma per il fatto che gli ospedali siano diventati improvvisamente luoghi chiusi e isolati dal resto del mondo. Questo ha influito molto sul nostro modo di lavorare. Abbiamo assistito alla morte di tante persone - ha proseguito Solitro - Per molti di noi più di quelli visti in tutta la carriera. Ma non essendoci contatti con i parenti, eravamo noi a dare parole di conforto, a tenere le mani, ad accarezzarli. Spesso abbiamo ascoltato le loro ultime parole, che poi riferivamo ai loro cari. Sono stati momenti drammatici"

Leggi di più sul Giornale di Treviglio in edicola

TORNA ALLA HOME