Consegna speciale

In consegna domani in Lombardia oltre 70mila dosi di AstraZeneca

Arriveranno a destinazione domani, 21 aprile, i furgoni del corriere di Poste Italiane, SDA, per la consegna negli ospedali lombardi.

In consegna domani in Lombardia oltre 70mila dosi di AstraZeneca
Cronaca Treviglio città, 20 Aprile 2021 ore 15:57

Arriveranno a destinazione domani, 21 aprile, i furgoni del corriere di Poste Italiane, SDA, per la consegna presso gli ospedali della Lombardia di 70.700 dosi del vaccino AstraZeneca.

In consegna le dosi di AstraZeneca

Nella giornata di domani alcuni mezzi speciali, attrezzati con celle frigorifere, prenderanno in carico i vaccini a Piacenza e proseguiranno il loro viaggio, per raggiungere la loro destinazione finale nelle 17 strutture ospedaliere delle dodici province lombarde.

Ventunomila sono le dosi del vaccino AstraZeneca destinate all’Ospedale Metropolitano Milano Niguarda, l’Ospedale Fatebenefratelli-Sacco e l’Ospedale San Paolo della città di Milano.

Nelle restanti strutture sanitarie lombarde la distribuzione avverrà secondo le seguenti modalità:

  •  Ospedale di Lodi (4.000 dosi)
  • Policlinico San Matteo di Pavia (4.000 dosi)
  • Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi di Varese (5.100 dosi)
  • Ospedale Sant’Anna di Como (5.200 dosi)
  • Ospedali Civili di Sondrio (1.200 dosi)
  • Ospedale di Esine (1.200 dosi)
  • Ospedale S. Gerardo di Monza (2.800 dosi)
  • Ospedale di Vimercate (2.900 dosi)
  • Ospedale Manzoni di Lecco (2.800 dosi)
  • Spedali Civili di Brescia (7.700 dosi)
  • Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo (7.200 dosi)
  • Ospedale Maggiore di Crema (1.500 dosi)
  • Ospedale Maggiore di Cremona (1.500 dosi)
  • Ospedale Carlo Poma di Mantova (2.600 dosi)

Già consegnate quasi 220mila dosi in tutta Italia

In totale il Corriere SDA in collaborazione con l’Esercito Italiano consegnerà domani in Italia circa 219.900 dosi di vaccini AstraZeneca di cui 70.700 in Lombardia mentre le restanti verranno consegnate in Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Puglia, Calabria e Sicilia